Questo sito contribuisce alla audience di

OGNI MALEDETTA VOLTA!

Mentre in Coppa Italia le cose sono andate in un certo modo (vale a dire bene) in campionato non si può dire la stessa cosa. Il problema principale della Fiorentina è sempre stato lo stesso: ogni maledetta volta la squadra di Pioli è stata chiamata a fare il benedetto salto di qualità ha praticamente sempre fallito l’occasione. I punti buttati via dai gigliati sono ormai tanti e la partita di Udine, purtroppo, non ha cambiato la sostanza della situazione.

Dall’inizio dell’anno sentiamo tirare in ballo la giovane età media della squadra, ma questo è un ritornello stancante, un disco rotto che facciamo fatica a sentire ancora. Purtroppo c’è una concatenazione di cause, strutturali (di costruzione della compagine) e particolari (legate alla singola partita) che impediscono di fare il volo. Per carità, tempo ce n’è ancora e la distanza dalle posizioni che contano è quella che è. Ma è anche vero che questi sono concetti che vengono ripetuti ogni fine settimana e a forza di ridirli vediamo i giorni scorrere inesorabili senza che la situazione cambi.

La svolta la possono e la devono dare gli interpreti perché questa è ormai la Fiorentina e nessuno può intervenire più. Pioli deve strigliare i suoi, deve convincerli a dare di più e deve ridurre al minimo i problemi presenti all’interno della compagine. Pena, l’esclusione dalle coppe per il terzo anno di fila (discorso Coppa Italia a parte).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Tifolamagliaviola

    ADV a Moena disse che l’obiettivo era il settimo posto, per la felicita’ di grandi e piccini. Mi sembra che siamo ancora in corsa per quell’obiettivo e anche per la Coppa Italia. Quindi per la societa’ tutto va bene, nel migliore dei modi, perfino il famigerato buco di gnini non e’ piu’ citato. Il resto sono sogni dei tifosi viola veri, quelli che parlano con la fede e non con la ragioneria.

  2. Magari domenica s’era alla terza gara in una settimana, magari ci mancava qualche elemento (penso al vituperato Benassi, capocannoniere) tuttavia è verissimo che per un motivo o per l’altro, ci manca sempre qualcosa.
    Tuttavia è anche vero che s’è giocato più di un girone e più o meno, la nostra classifica l’è sempre quella. Magari dovremmo iniziare a farci l’idea che i nostri valori sono quelli.
    Io comincerei a ragionare anche in ottica coppa Italia, l’Atalanta è sicuramente più quadrata di noi è parte favorita (questo per noi nn è un male) ma le gare sul doppio confronto sono roba da sprinter, il campionato è una maratona.
    Magari mi sbaglio ma forse la Fiorentina è una centometrista e nn una mezzofondista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.