Questo sito contribuisce alla audience di

Pezzella: “Non esiste subire un gol come il primo che abbiamo preso. Chiesa? Aspettavamo questa accoglienza ma ha la testa giusta”

Tornato in campo dopo qualche partita d’assenza, il capitano German Pezzella ha parlato così in zona mista: “Penso che siamo partiti forte, trovando il gol e poi abbiamo concesso una prima rete che non può arrivare in quel modo. Abbiamo avuto due palle gol sull’1-1, poi hanno segnato ancora e nel secondo tempo abbiamo concesso, mentre l’Atalanta ha gestito la partita. Nelle ultime tre partite abbiamo preso nove gol, come difensori fa male tornare a casa così. Si fa dura vincere in questo modo, dopo l’andata si parlava tanto della difesa e in quel momento parlavo del fatto che era merito di tutta la squadra. Ora segniamo di più ma subiamo tanti gol che non dovremmo, dobbiamo tornare a fare quello che sappiamo fare tanto bene. La giornata per Davide? Già oggi era difficile perché ci sono tante cose che ricordiamo tra di noi, al minuto 13 sono passate tante cose nella testa di non buone. Domani faremo un altro saluto a Davide e speriamo che lui sia contento di quello che facciamo in campo. Ritorno in Coppa Italia? Non è normale giocare due mesi dopo ma dobbiamo fare bene in questa fase intermedia, abbiamo tante cose da migliorare per continuare a fare bene. Chiesa? Sta bene, ci aspettavamo questa accoglienza ma lui è un ragazzo fantastico, ha la testa giusta per andare avanti senza problemi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Caro Pezzella chi si doveva mettere davanti al pallone per impedire che i nostri avversari giocassero immediatamente il pallone? Che capitano sei? I grandi capitani ammettono gli errori e non fanno come te che invece osi esclamare “non esiste prendere il primo gol in quel modo”.

  2. Ma andate a fare in c… Almeno stai zitto.
    Mi sono rotto il ***** di voi e di quell’incompetente di Pioli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.