Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli: “La Fiorentina e la sua proprietà si meritano l’Europa League. Ci sono delle regole che vanno rispettate”

Arrivano altre parole del tecnico gigliato Stefano Pioli a Sky Sport: “Sentenza del TAS? Se non dovessimo andare in Europa League dirò ai giocatori che sul campo siamo arrivati ottavi e l’Europa non ci spetta. Però ci sono delle regole che vanno rispettate. Sappiamo che stagione vogliamo fare, crescere con i nostri giocatori e provare a fare meglio della scorsa stagione. Se dovessimo giocare l‘Europa League sarei molto contento, ma saremo pronti in ogni caso. Credo che ce la siamo meritata, abbiamo passato una stagione complicata e importante. Sarebbe un bel premio per una società e una proprietà che ha sempre mostrato grande serietà e attenzione”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. x dario…so benissimo che i risultati portano tifosi, ma allo stato attuale o arriva un emiro stile PSg, oppure le società devono far quadrare i conti, oppure si va al fallimento, non ci sono alternative. I DV hanno fatto anche dei rischi che non hanno portato i risultati sperati. Ricordo poi, che qualche anno fa ci è stata rubata una champions che portava incassi e forse qualche tifoso, dentro e fuori dall’Italia.
    E’ facilissimo tirare merda e fare acquisti con i soldi degli altri. Certi tifosi si meritano Presidenti cinesi stile Milan….

  2. Purple

    te lo dico in maniera elementare. Per aumentare il bacino d’utenza servono PER FORZA i risultati sportivi. Anche un cretino c’arriva.

  3. Tittibello e purple rain concordo con voi 100%.

  4. Purple sei ridicolo vai a leccare il tuo padrone diego che poi ti da la medaglia…i bimbi come purple sono dannosi per la FIORENTINA e per l’ambiente…FV

  5. Bravo “pioggia viola” se tutti i tifosi , si comportassero da veri tifosi viola, e non eccedessero nelle critiche e nelle offese innumerevoli che fanno ai proprietari della Fiorentina, loro stessi potrebbero anche fare qualche cosa in più per la squadra, come è stato dimostrato con Gomez e Pepito Rossi, ci siamo dimenticati che squadrone avevano allestito i Della Valle. Poi abbiamo visto tutti come è andata a finire, che non abbiamo vinto nulla. Perchè troppo il divario fra le cinque o sei sorelle al livello economico non ci permetteranno mai di vincere qualcosa. Allora che fare? Continuare ad amare la Fiorentina o lasciarla? Ecco i continuerò ad amarla nonostante e a dispetto di tutto. Saluti viola

  6. Re leone,……. vai ……. gobbo.

  7. Allora, x tutti quelli che vogliono il cambio di presidenza…… È vero, con i DV si è vinto poco o nulla, ma io tifo Viola dal 1970 e da allora, anche con gli altri presidenti non mi pare si sia vinto granché…qualche coppa Italia. Abbiamo avuto i Pontello i Cecchi Gori. Siamo stati fra le sette più forti, ma sempre settimi si arrivava, il Vittorio ha portato qualche Champion ma ci ha pure portato in B e in C2… Non potremo mai competere se non per qualche sporadico periodo contro società che hanno tre, sei, o dieci volte più tifosi di noi. Possiamo sperare di diventare il Leicester italiano, ma non potremmo mai essere al pari di una Rubentus che ha un indotto enorme rispetto alla dimensione Viola. Pensate che io non sogni di vincere un campionato???? Cosa darei x godere prima di crepare io unico Viola in un paese di 1300 anime x sfogare finalmente la mia gioia. I DV non sono tifosi alla Moratti che sperperano i soldi del papà, ma imprenditori intelligenti che amministrano la Fiorentina come amministrano una loro azienda, facendo investimenti proporzionati ai probabili introiti. Poi c’è pure il palazzo con le pay TV ad ostacolare la viola, perché una Fiorentina, o una Sampdoria, o una qualsiasi squadra di media fascia, sono un intralcio agli interessi commerciali Delle cosiddette grandi, i successi Delle quali portano più incassi a Lega, stampa e ovviamente alle Pay TV.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.