Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli: “Pjaca? Vi spiego perché non l’ho fatto giocare. Gerson arrabbiato? Meglio così…”

Il tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, spiega i cambi che ha fatto e soprattutto perché non ha fatto entrare Pjaca: “Ho tolto Veretout e Gerson, perché li ho visti affaticati, ho fatto cambi a centrocampo. C’erano giocatori che venivano dagli impegni in Nazionale e non volevo rimanere corto coi cambi. Sicuramente ha più minuti nelle gambe adesso. E’ stato difficile togliere il possesso palla al Napoli, ma credo che abbiamo fatto la partita che dovevamo fare. Abbiamo recuperato tanti palloni, ma li abbiamo anche ripersi troppo in fretta. Gerson? Se sia arrabbiato o meno non me ne sono accorto, ma se era arrabbiato sono contento, vuol dire che ci teneva a fare di più. Veretout è andato bene, ma non dimentichiamoci che non giocava da quattro mesi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. siccome c’erano giocatori che venivano dalle nazionali, tipo i 2 argentini, non li facevi giocare dall’inizio e i cambi non li bruciavi!! ti contraddici!! gerson si deve anche arrabbiare con se stesso, troppo discontinuo!!

  2. Ad Axel dico che Veretout è stato insufficiente, ha sofferto l’assenza dalle partite per la squalifica e forse anche la posizione in campo; Gerson molto lento negli inserimenti, perdeva spesso la palla; su Eysseric ti devo contraddire, sta giocando bene dall’inizio del campionato, niente a che vedere con il giocatore dello scorso anno, più veloce, visione di gioco, inserimenti negli spazi e anche aiuto in fase difensiva; insieme a Dragowski, i migliori in campo, anche se nel finale, il francese è calato, come tutta la squadra. Piaca direi che non lascia traccia, anche quando gioca in nazionale, non è ancora lui e ci vorrà del tempo per vederlo, si spera, quello prima dell’infortunio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.