Questo sito contribuisce alla audience di

Pontello: “Non capisco Corvino, sembra che improvvisi e operi al buio. La Fiorentina non programma, è in ritardo rispetto agli altri”

Ospite a Radio Blu, l’ex dirigente viola Niccolò Pontello ha parlato così dei movimenti della Fiorentina: “Se si ragiona sugli ultimi anni non mi aspettavo niente di particolare visto che Corvino ci ha abituato a tempistiche lunghe, rispetto ad altre squadre siamo indietro su diverse situazioni. Se i nomi comunque sono quelli fatti ultimamente, l’operazione Pjaca è interessante e costruirebbe un bel tridente, che non tutti hanno; da Pasalic al ceco Soucek sono nomi che per la Fiorentina di oggi possono portare un po’ di qualità in più. Non so chi potrà sostituire effettivamente Badelj, anche se il ruolo può essere coperto in altri modi. La panchina mi sembra non all’altezza, sui titolari invece l’impostazione non mi dispiace: se la nostra dimensione deve essere quella di una squadra che fa crescere i giovani allora la strada è questa. Vanno sbagliati però meno giocatori di quanto fatto l’anno scorso, dove 3-4 acquisti sono stati centrati, 7-8 no. Quello che veramente è incomprensibile è il ritardo con cui si opera, tutti sapevamo che da inizio girone di ritorno che Badelj al 99% sarebbe andato via, che Sportiello non sarebbe stato riscattato, che c’erano ruoli scoperti. Ai tempi se si sapeva che serviva un giocatore, ci si adoperava a campionato ancora in corso; qui l’idea che traspare dall’esterno è quella di una mancanza totale di programmazione e che si lavori al buio, improvvisando”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. Ha ragione Pontello, Corvino è inadeguatoper la Fiorentina, la programmazione non sa cosa è, per me l’anello debole della Fiorentina è lui, non capisce di calcio, è stato osannato dai santoni del calcio, non vale niente, basta guardare le percentuali degli acquisti sbagliati e ci si rende conto di chi stiamo parlando.

  2. Come sembra?

  3. Bene STEFANO!
    D’accordo.
    La questione Gomez, in realtà, ammesso che ha fallito sotto tutti i punti di vista, anche se molto diversa da Pepito, per me non fu molto lontana dalla questione Rossi: uno si ruppe punto, l’altro si ruppe subito e poi del tutto psicologicamente e, vuoi quel che vuoi, di fatto non riuscì più a giocarne una al verso.
    Io non voglio giustificare il bidone Gomez, dico, a parer mio, che ci sarebbero potute essere buone potenzialità in quella coppia assortita che non riuscì mai a giocare.
    Sarà forse stato il caso, poiché una partita sola non può essere raccordo stimabile, ma a genova contro il grifone, con entrambi in campo e a tutta palla, beh, li asfaltammo e i due dettero spettacolo.
    Che Gomez non fosse un giocatore tecnicamente fortissimo era evidente, ma di gol ne aveva fatti a bizzeffe.
    Fu un errore, certo.
    Ma col senno di poi….ti potrei dire che Panzerotto ha portato dei centravanti che neanche al Ds dell’Atletico Socanà sarebero venuti in mente. Un anno addirittura Vieri! Dai!
    E non mi si dica che Toni e Mutu furono voluti da Corvino: Corvino, Mutu, lo prese per accontentare Prandelli e fu semplice accontentarlo perché fu scaricato da ogni parte del mondo. Poi, appena potette, lo aveva già venduto, salvo poi tenerlo se no Cesare si dimetteva e succedeva il finimondo.
    E invece, col senno di poi, Corvino ci aveva visto giusto. Perché lui quando c’è da vendere ci vede sempre giusto! Qui ha grande talento. E’ un mercante. Ci rifilò anche Bojnov.
    Ma, sempre per me, un grande Ds deve prima saper fiutare grandi talenti, futuri campioni, giocatori che, anche se giovani, sappiano dirsi già giocatori fatti. E qui, mi spiace, la lista piange.
    Non sto qui a dire che Pradé sia stato il migliore Ds in circolazione, ma, sempre col senno di poi, tra i due elenchi, a oggi, i giocatori a confronto non sono paragonabili.
    Le grandi scommesse di Corvino sono state Jovetic e Lijac: le loro carriere sono sotto gli occhi di tutti: un quasi fallimento totale.
    Di fatto, a Firenze non fecero male, a buoni, grandi sprazzi, ma poi…dimmi, ti prego, un giocatore scovato dal nostro Ds che abbia fatto una carriera stellare, anzi una ottima carriera.
    Lui è un buon mercante, ripeto: bravo come pochi altri nel piazzare operazioni in uscita. Felipe Melo docet!
    Ed era un bidone.
    E poi, se permetti, mi spiace, ma tu, e qui non concordo affatto con te, ma a ognuno la sua, tu mi stai mettendo a confronto due liste che, per me, ripeto, sono impari.
    La lista Pradé-Macia consta di giocatori che a oggi giocano nelle più grandi squadre di Europa, e che sono stati i migliori elementi della nostra storia calcistica degli ultimi 10 – 15 anni.
    Non si può equiparare ancora il miglior Gonzalo e Savic, che nei primi anni di Montella, erano fra i migliori difensori del campionato, con tutto il rispetto, con Hugo, mi spiace… o il miglior Valero con Benassi e anche Veretout, Cuadrado con Chiesa, il colombiano ne stendeva tre insieme a tutta birra facendo numeri paurosi, non ricordi? o ancora Alonso che gioca nel Chelsea ecc…
    Oggi questi nostri giovani promettenti sono dei buoni giocatori con ampi margini di crescita.
    Ma non è che perché il mercato ti valuta sproporzionatamente Milenkovic 40 milioni significa che sia un giocatore fatto a tutti gli effetti o Veretout, ottimo per amor del cielo, ma ancora dobbiamo veramente vedere se si confermerà, che tipo di carriera farà. Ciò non toglie che si faccia il tifo per lui, per loro affinché tutti i presenti diventino meglio di quelli di ieri.
    Dabo neanche lo prendo in considerazione, al momento.
    E tu non credi, sinceramente, che questa Fiorentina, quella del Corvino bis sia una realtà in netta decadenza calcistica rispetto al passato?
    Non credi, sinceramente, che questa società stia mancando ottime occasioni per fare il salto di qualità, che, con elementi come Corvino da un lato e Cognigni dall’altro rappresentino una sorta di feudalesimo calcistico che, di fatto, mette la Viola al pari o sotto realtà come l’Atalanta!
    Possiamo arrivare anche sotto i bergamaschi, ma quando inizi a subodorare quello che ci viene mostrato sotto gli occhi da diversi anni a questa parte, non ti sembra che non ci possa prendere davvero il magone?
    Siamo realisti Stefano: anche con Chiesino. E’ un ottimo giocatore di prospettiva, il suo nome sta riempiendo le pagine dei giornali e tutti lo vogliono. Certo, magari si farà. Però ancora nessuno 70 milioni, i 70 milioni giornalistici li ha tirati fuori… e se la vediamo bene, il bravo Federico, al quale sono anche affezionato perché hai il viola nel sangue, è ancora un giocatore incompleto e con molti margini di miglioramento. Se tutti, da Ancelotti a Spalletti lo vogliono un motivo ci sarà. Ma se guardiamo lo scorso campionato, fra lui e Cuadrado, fra lui e Gioacchino, dal punto di vista tecnico ci corre ancora un abisso e non un soldino. Solo che Chiesa è l’ultimo nome roboante che può vantare questa gestione. meno male che il padre lo portò ai campini. Secondo me, ancora comunque un po’ strada avrà da farne. Comunque sono sicuro che in un modo o in altro Chiesa s’imporrà: lavora con abnegazione, e se non avrà sfortuna, riuscirà.
    Ma spero per lui che non rimanga al corri corri testa bassa di Candreva, ultra fischiato a Milano, perché alla fine dovrà esplodere e concludere grandi giocate. Questi sono i grandi giocatori. Chiesa ancora non lo è.
    Ma d’altronde in molti, non so moltissimi? gridarono allo scempio perché fummo predati di un certo Bernardeschi: sai, ai tempi di Baggio, io ero un bimbetto, ricordo i miei e tutti e il popolo viola si rivoltò!
    Per il finto dieci di Massa, il cui valore calcistico ancora sta più nel look e nelle invenzioni giornalistiche più che nei fatti reali del campo, ci fu scalpore più per un gusto di sentirsi scippati dal nemico più che per il vero suo reale valore. Se uno è forte si impone. Punto.
    Kakà, Totti, al primo giorno di scuola avevano già la squadra sulle spalle.
    Basta con questa storia della gioventù. A Torino, Bernardeschi è una seconda scelta, punto.
    Dybala titolare inamovibile. Entrambi giovani, entrambi con due gambe.
    Io spero che Corvino ci faccia una bella squadra, spero che i Della Valle cambino registro, e non per una questione di spendere e spandere: qui vorremmo vedere una società brillante che costruisca una buona squadra senza pienarla di bidoni eclatanti e muovendosi come un pachiderma dentro a un orto.
    C’ è tutto un anno, degli anni per programmare.
    ma se ti rechi in gelateria senza soldini, il cono, anche quello piccino, lo vedi agli altri mangiare.
    E in questa rosa di bidoni ce ne sono abbastanza.
    Io, personalmente, sarà forse una questione di cuore, vedo, nel complesso individuale, che questa Fiorentina non è così fenomenale: in molti di voi pensano di avere fra le mani un’orda di fenomeni.
    Panzerotto sta facendo quel che potrà, por’uomo.
    Speriamo tu possa avere ragione e io torto.
    Su tutto.
    Quel che si subodora, ma se tu ti reputi felice e ottimista, beato te, che per prendere un giocatore ci voglia di molto. Solo il Milan, credo, sia messo peggio di noi.
    Poi dipende da che parte stare. Poi dipende che campionato vogliano fare.
    Un tempo l’Europa era realtà e a Firenze, anche grazie ai della Valle, si sono vissute molte belle realtà.
    E oggi?
    Questa proprietà con questo direttore con questi ragionieri dirigenti, insomma?
    Oggi, ti chiedo, i Della Valle cosa vogliono sportivamente fare?
    Ti è chiaro?
    A me sembra che in generale tutti si sia capito che la nostra Fiorentina sta decadendo rispetto al passato.
    Speriamo tu abbia ragione.
    A me, l’opportunità di dire quel che penso e anche di sbagliare.
    Spero tu possa dirmi fra non molto: hai visto? ti eri sbagliato.
    E io ne sarò piucché felice.
    A me interessa rivedere una bella squadra che faccia numeri e ci faccia divertire.
    Oggi, nonostante il molto impegno, di classe…neanche due lire!
    Forse bisognerebbe solo accettare e tifare.
    E prendere quanto di buono ogni tanto si vede…
    Mah!

  4. Stefano difendere il contadini pugliese e attaccare Pradè la dice lunga sul tuo grado di pertinenza calcistica.
    Tra l altro Alonso lo ha portato Pradè a parametro 0 mentre Savic lo ha venduto sempre lui ad un prezzo ottimo…corvino è si quì da 2 anni ma è già stato quà in passato facendo disastri come il tentativo di vendere Mutu e far vedere quanto valeva come DS nei 2 anni con Delio Rossi e Mihajlovic…..Prade ricostruì una signora squadra con pochissimi soldi e scelse un allenatore che ci ha fatto divertire per almeno 2 anni ed ha avuto una gran sfortuna con Gomez …..i giocatori presi dall ex DS di Casarano e Bologna l anno scorso dovranno riconfermarsi altrimenti…

  5. TOGOMAGO,non hai fatto un bel servizio,se il tuo scopo era quello di mettere in cattiva luce Corvino e incensare Prade’. Hai elencato 8 giocatori di valore presi da Prade’,più il duo Rossi/Gomez. Tralascio Rossi perché ha avuto tanta sfortuna,ma Gomez è stato il più grosso bidone che io abbia visto in tanti anni che seguo la Viola,e infatti dopo di noi è andato bene in Turchia,mentre in Germania ha trovato squadra tra quelle che sono a fondo classifica. Quindi diciamo nove elementi validi. Corvino è tornato ed ha portato,oltre a tanta frattaglia lo ammetto,anche Hugo,Alonso,Pezzella,Benassi,Veretout,Simeone,Dabo e diciamo che tra Biraghi e Laurini ne fanno uno in due. Calcola poi che Savic è potuto arrivare a Firenze solamente perché il City si è innamorato di un nostro giocatore (Nastasic) che lo aveva portato Corvino,altrimenti col cacchio che tu potevi comperare Savic dagli inglesi. In totale insomma,diciamo che siamo 9 giocatori buoni di Prade’ contro 6/7 di Corvino. Ma c’è un paio di dettaglii che ti sfuggono. Prade’ c’è stato 4 anni,Corvino sono 2 anni che è tornato,Prade’ trovò i conti in ordine,Corvino ha trovato un -40 milioni circa ed era fuori dal fpf. Ah,dimenticavo. Macia non è arrivato perché lo ha voluto Prade’,ma perché lo ha scelto e voluto fortemente Corvino,che poi lasciò in società quando lui se ne andò.

  6. Pur di fare polemica avete tirato fuori dal sarcofago anche Pontello !!!!
    FORZA VIOLA ,,,

  7. STADIO VUOTO. Fatevi furbi popolo viola. Date retta a un bischero

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.