Questo sito contribuisce alla audience di

Rialti: “Non è colpa di Simeone ma della squadra che non lo aiuta. Gerson e Pjaca inesistenti.”

Il giornalista sportivo Alessandro Rialti è intervenuto a Radio Bruno per fare una valutazione della Fiorentina dopo il pareggio di ieri contro il Frosinone. Queste le sue parole: “Credo che Simeone sia a tutti gli effetti un buon giocatore, in due anni è riuscito a segnare trenta gol senza calciare rigori ma conquistandone molti. Ora come ora però è fondamento inutile: adesso è in grossa difficolta ed è sotto gli occhi di tutti, ma se non si aiuta non tornerà mai ai suoi livelli. Non è un caso se continua ad esse convocato dalla nazionale argentina. La squadra non gioca bene: gioca spesso orizzontalmente senza mai provare una verticalizzazione improvvisa. L’unica occasione per Simeone è venuta da un lancio lungo dalla difesa, con l’argentino che è stato bravo a crearsi un’occasione dal nulla. Questa squadra gioca piuttosto male e nessuno l’aiuta là davanti. Simeone ha giocato tutta la partita tornando all’indietro, il problema non credo sia lui ma la squadra che non avanza. E’ sotto gli occhi di tutti che l’unico che crea qualcosa è Federico Chiesa. Sapete per quale motivo? perché fa tutto da solo. Gli arrivano pochi palloni dai compagni, la maggior parte delle volte è lui che recupera il pallone e parte da solo. Gerson e Pjaca sono inesistenti. E’ per questo che poi Simeone non rende al massimo: per dare il meglio di se deve avere una Fiorentina dietro che lo segue”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Detto che Rialti sta un po’ringambando, come tanti altri a Firenze, il problema è come al solito la proprietà!!!! Calcisticamente orrenda, sono qui da 16 anni solo per fare marketing e non calcio, infatti tengono un ds obsoleto e con la testa più provinciale della sua, un presidente avulso dal calcio che se ne frega di tutto ciò che non sono i conti. Squadretta da discount, guadagnano tutti poco perchè valgono poco. Un allenatore pavido, antico come i brodo, che volete sperare?????

  2. Strano, a settembre scriveva altro

  3. Rialti,ma per cortesia! Come e’ possibile che I cross di chiesa li raggiunge benassi,li raggiunge insigne (che e’un nano)in nazionale,e simeone mai???? Fra l’altro chiesa prima difettava un po nel fare I cross,mentre ora e’ quasi perfetto.Ma quello che trovo esilarante e’ sentire che l’argentino e’stato bravo a crearsi un’occasione dal nulla.Dal nulla?!??!? E’ stato messo davanti al portiere,teneva tre metri di vantaggio,e pure e’ stato capace di decentrarsi.Da solo! E poi quando tira fa fare solo bella figura al portiere.Vanno a uno all’ora I tiri.

  4. Berni amico sono d’accordo al 100%…proprietà inesistente senza un minimo di entusiasmo che trasmette a quelli che vanno in campo solo negatività…poi ci mettiamo una rosa competitiva per il dodicesimo posto e un allenatore che…lasciamo perdere..e non si diverte nessuno a FIRENZE…FV

  5. Ma l’avete visto o no quello che si é divorati Simeone contro la Roma è l’errore di ieri nel no date una palla facile facile a Chiesa solo davanti la porta?! E poi i movimenti che non fa non ha il tiro boooo?! Avessimo anche solo un Pavoletti saremmo terzi in classifica!!!

  6. È colpa di tutti, in primis della proprietá, “il pesce puzza sempre dalla testa” , qui è tutto imperniato sulla mediocritá, abbiamo mediocri ovunque, tanta tifoseria compresa, tranne quei quattro cinque giocatori che cercano di fare qualcosa , ma cosa e fino a quando ? Alla fine temo che pure loro alzino bandiera bianca , lottare sapendo che raggiungere un traguardo è più un problema che un vanto per i nostri amici ciabattini toglierebbe la voglia a un mandrillo !

  7. Grottaferrataviola

    Ma guarda un po’ il lacchè giornalista…ad agosto spaccia come grandi affari il prestito del brasiliano giallo zozzo e il recompra del croato gobbaccio…poi sotto Natale dice che sono inutili…ma mi domando: a Firenze non vi siete ancora stancati di questi personaggi e del loro datore di lavoro don Diego della fuffa?!?!

  8. Ciccio Rialti non ha tutti i torti. La squadra è spaccata in tre tronconi, guardate bene, quando siamo in attacco davanti c’è solo Simeone e nessun centrocampista se non, saltuariamente, Benassi. L’anno scorso c’era Veretout che faceva la fase di raccordo ora deve fare il regista per scelta di Corvino & Co e questi sono i risultati. L’attaccante segna se qualcuno gli porta via almeno un giocatore dei due che ha costantemente addosso, sennò il goal lo vede in sogno, a meno che non sia CR7. E Simeone, anche esteticamente, non è CR7 !

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.