Questo sito contribuisce alla audience di

Simeone, l’uomo della scintilla… ma il tiro in porta è un tabù

Il ruolo disegnato da Pioli a Simeone sembra ormai essere quello del subentrante fisso, pronto a dare una scossa alla Fiorentina nella parte finale della gara. Ed effettivamente di scintille il Cholito ne ha accese anche ieri contro la Lazio, creando il consueto scompiglio e trovando anche un bell’assist, poi sprecato da Mirallas subito dopo l’1-1. Il problema però è proprio questo: l’attività primaria dell’attaccante viola riguarda quasi la metà campo, specialmente in partite sofferte come quella di ieri sera. Mentre di peso offensivo ce n’è poco o pochissimo e i gol sono un’ovvia conseguenza. La fortuna della Fiorentina è che da gennaio a svolgere quel compito ci pensa Muriel, a cui basta spesso anche un solo pallone buono per calciarlo in fondo alla rete. Una lacuna colmata sicuramente in gran parte a gennaio ma che rende a posteriori molto imprecise le valutazioni su cui era stata basata la squadra creata in estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. È stato più determinante mirallas, però Simeone permette con la difesa della palla di far salire la squadra. Pioli deve mettersi nella testa di far giocare 3 punte.

  2. Veramente la scintilla per chi ha visto la partita è stato MIRALLES….ha praticamente spaccato la partita..guardate le partite per favore…FV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.