Questo sito contribuisce alla audience di

Sottil e Gori spingono ma Pioli è tra martello e incudine

Da una parte la curiosità per i giovani della Primavera e la voglia di scovare un nuovo Chiesa, dall’altra l’esigenza del risultato e del miglioramento della classifica: si fa presto a dare a Pioli del “codardo” in merito al mancato lancio dei prospetti a disposizione di Bigica ma vanno fatti i conti con le difficoltà della Serie A. Un campionato che rischia davvero di bruciare precocemente anche i talenti più limpidi, se gettati nella mischia a caso; in più è utopia attendersi dai vari Gori o Sottil di turno un impatto alla “Messi“, con giocate e gol fantastici già da quando aveva 17 anni. Si parla in quei casi di talenti fuori dal normale, in contesti poi di livello così alto da mascherare anche qualche inevitabile defaillance iniziale da parte del giovane di turno. Tutto ciò purtroppo nella Fiorentina di oggi rischierebbe di avere un’eco addirittura sproporzionata, per cui forse l’attualità suggerisce maggiore prudenza, a tutela di una stagione che è già di per sé complicata. Dove il tecnico viola Pioli si trova suo malgrado tra un’incudine, data dalla voglia comunque di attingere alla Primavera, e un martello, quello della piazza che pretende risultati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Vista la situazione di classica perché non dare spazio a qualche giovane???

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.