Questo sito contribuisce alla audience di

Stadio sì, stadio no: l’ottimismo al sapore di novella dello stento

Non sarà neppure il 2018 l’anno buono per il progetto definitivo del nuovo stadio, rimandato già da diversi anni, anche dopo il plastico presentato nel marzo 2017. Le parole di stamattina di Andrea Della Valle si sono mantenute sulla scia dell’ottimismo, per altro sbandierato anche dal sindaco Nardella, ma dal prossimo mese di settembre si dovranno aspettare almeno altri sei mesi, come dichiarato dallo stesso patron: una novella dello stento, di cui speriamo di poter raccontare il finale, ma che come minimo scavallerà il 2019. E intanto anche alla scadenza sull’interesse pubblico dell’opera (a scadenza dicembre 2018) servirà una ulteriore deroga…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Nardella e Della valle andate nel paese dei balocchi!

  2. Questa dello stadio è uno dei più grandi bluff della gestione dv. Il progetto era funzionale esclusivamente alla speculazione edilizia connessa. Ricordate il primo progetto ? Quello presentato da ddv, intendo, parchi a tema, nani, ballerine e quant’altro: una montagna di ettari dei quali, la parte per lo stadio era una risicatissima minoranza. Poi c’è stata la più recente baracconata in Palazzo della Signoria, ma li era presente solo quello che sulla carta d’identità, alla voce professione reca scritto “fratello di imprenditore”, quindi fa poco testo.
    Ad oggi, con la desertificazione del Franchi, l’idea di un interesse pubblico per un nuovo stadio, fa molto ridere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.