Questo sito contribuisce alla audience di

Stirpe contro Zamparini: “Nessuno deve infangare il nostro percorso. I responsabili di queste illazioni risponderanno in sede sportiva”

Dopo la vittoria sul campo contro il Palermo che ha portato il Frosinone alla promozione in Serie A, il presidente del club ciociaro Maurizio Stirpe risponde così alle proteste dei rosanero che ha annunciato l’intenzione di fare ricorso per la gestione generale della gara in questione: “Il Frosinone Calcio S.r.l., in persona del suo presidente, Dott. Maurizio Stirpe, nonché il Dott. Maurizio Stirpe personalmente, con riferimento alle ripetute esternazioni, rese oggi ai vari mezzi di informazione dal Patron dell’U.S. Città di Palermo S.p.a., Sig. Maurizio Zamparini, osserva quanto segue:

Stupisce, indigna ed offende l’intelligenza degli addetti ai lavori, degli sportivi e della gente comune, frusinati e non, che il massimo dirigente rosanero, relativamente alla gara Frosinone-Palermo parli di “incontro illegale”, “spettacolo indecoroso”, “vergognoso”, di “arbitro aggredito, minacciato, assediato e intimidito” e di “truffa subita”.

Non sappiamo quale incontro di calcio abbia visto il Sig. Zamparini ieri sera, né ci interessa saperlo, certo è che Frosinone-Palermo è stata diretta da un team arbitrale composto da 6 ufficiali di gara, oltre alla presenza di numerosi rappresentanti della Procura Federale e degli ispettori di Lega i quali, all’unisono, hanno decretato la regolarità della partita.

Occorre a nostro avviso saper vincere e, anche, caro Palermo e caro Zamparini, saper perdere, ragion per cui, allorquando il Sig. La Penna ha sancito la fine dell’incontro, il risultato del campo è stato subito chiaro a tutti: ha vinto ed è stata promossa in Serie A la squadra meglio classificata al termine della regular season la quale, in finale, nel doppio confronto, ha realizzato 4 dei 5 gol segnati (anche se uno, purtroppo, nella propria porta), ottenendo, così, la migliore posizione rispetto all’avversaria per il salto di categoria.

Che il Palermo preannunci pure, riserve e reclami avverso l’omologazione della partita, state pur sicuri che il Frosinone ed il suo Presidente risponderanno nelle competenti sedi della giustizia sportiva, forti della verità dei fatti e di avere disputato una competizione, i play-off, impegnativa, agonisticamente molto accesa, ma sempre nel rispetto delle regole, degli avversari e degli arbitri.

Nessuno, però, si deve più permettere di infangare il percorso, durato una stagione intera, di un fantastico gruppo, composto da dirigenti, atleti, tecnici e impareggiabili tifosi, sempre ispirato al fair play, all’amicizia, ai valori fondanti dello sport, da quasi venti anni al centro della nostra mission.

In difetto, gli autori ed i responsabili ne risponderanno in sede sportiva, civile e penale, avendo gli scriventi già conferito mandato in tal senso al legale di fiducia del Club, Avv. Mattia Grassani del Foro di Bologna.

Frosinone Calcio S.r.l

Dott. Maurizio Stirpe “.            

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Quello che è successo lo abbiamo visto chiaramente tutti checchè ne dica Stirpe, se poi questo sarà sufficiente per la squalifica del frosinone lo deciderà la giustizia sportiva…

  2. Peccato che si sia perso lo spirito essenziale della competizione ovvero rispetto delle regole e lealtà verso gli avversari , purtroppo il tutto corroborato dai parrucconi che dovrebbero far rispettare le regole.
    Se ancora alla base ci fosse la sportività prima di iniziare il campionato quelle squadre che sino drograte dai debiti per iscriversi dovrebbero mettersi immediatamente in pari con quelle oneste e vendere i giocatori per pareggiare i bilanci invece di continuare a comprare con pagherò e schierare giocatori con stipendi che non si possono permettere, secondo un arbitro serio finita quella partita stila il referto riportando i fatti e di conseguenza la partita la perdi 3-0 senza se e senza ma

  3. Per la partita simpatizzavo x il Frosinone ma averli visti buttare palloni in campo mi ha dato veramente fastidio. È stato il massimo della anti-sportività.

  4. Hanno avuto lo stesso comportamento di quando la Viola andò a giocare a Frosinone minacce all’arbitro e anche ai giocatori della Fiorentina

  5. Assolutamente antisportivo il comportamento del Frosinone, specie chi ha buttato i palloni in campo meritevole di 1 anni di squalifica. Ripetere la partita o fare sconfitta a tavolino e’ difficile, ma una robusta penalizzazione, di 5/6 punti, la meritano.

  6. Francesco Bellino

    A parte che dalla panchina i giocatori del Frosinone buttavano i palloni in campo, l’arbitro ha avuto paura di confermare il rigore al Palermo essendo intimorito dai calciatori ciociari, come fece Guida che negò il rigore ai viola perché aggredito dai calciatori juventini, lo scorso 09 febbraio. Deprecabili nel comportamento.

  7. Io aprirei un’inchiesta federale per come è scritto questo comunicato.
    Ma “il Frosinone calcio in persona del presidente Dott. Stirpe, nonché il Dott. Stirpe personalmente ….” è per sembrare di più, oppure si voleva ribadire il concetto che Stirpe è laureato ??

  8. Questo signore che non conosco bene ha fatto un bel discorso per chi non ha visto la partita. A me onestamente non da fastidio che il FROSINONE sia salito in serie A ma non avevo mai visto neanche in seconda categoria i calciatori del frosinone in panchina per alcuni minuti buttare i palloni in campo per perdere tempo che poi non si è neanche recuperato..mi ha fatto veramente schifo..FV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.