Un cerchio che si chiude

Non una partita banale Sampdoria-Fiorentina, tanto meno per Lucas Torreira che se oggi è un punto di riferimento difficilmente sostituibile della squadra viola (se ci sono casi contrari, sono appunto casi) lo “deve” anche e soprattutto alla Sampdoria che l’ha valorizzato dopo averlo preso dal Pescara, che a sua volta ci aveva investito con apprezzabile lungimiranza.

Ma il salto di qualità per attrarre la Premier League, come rimarca il Corriere dello Sport-Stadio, l’ha fatto in blucerchiato, dove c’era Daniele Pradè e guarda un po’ le circostanze della vita: fondamentale, il diesse, l’estate scorsa per portare Torreira a Firenze di rientro a Londra dall’infruttuosa stagione all’Atletico Madrid. Lunedì a Marassi il cerchio si chiude.

Guarda i commenti (2)

  • Cerchiamo di farlo chiudere bene.e sopratutto di prendere il giocatore senza se e senza ma altrimenti veramente mi viene da pensare che questa società voglia esclusivamente pensare a vendere e incassare.fosse così meglio passare la mano.

  • Si chiude con il riscatto del giocatore senza se e senza ma, è l’ora di spendere perlomeno quanto incassato dalle cessioni milionarie

Articoli correlati