Questo sito contribuisce alla audience di

Un’altra percezione di Fiorentina

Avevamo chiesto alla Fiorentina contro l’Inter un salto di qualità e maggiore intraprendenza rispetto a quanto fatto vedere a Napoli, dove la squadra era entrata in campo con l’intento di portare a casa lo 0-0 e questa risposta è arrivata, forte e chiara. La formazione di Pioli esce sconfitta da San Siro, e su questo purtroppo non possiamo farci nulla, ma tutti noi abbiamo un’altra percezione di questa compagine. La Fiorentina post Inter è una Fiorentina vivace, offensiva, ricca di soluzioni e con tre attaccanti, Chiesa, Pjaca e all’occorrenza Mirallas, che possono far male a qualunque squadra. Questo in attesa che Simeone ritorni ad essere più brillante e lucido sotto porta.

Questa Fiorentina non solo diverte ma può regalare anche molte soddisfazioni ai propri tifosi e può lottare per entrare in Europa League (vogliamo cercare di individuare obiettivi stagionali alla portata, senza lasciarsi trascinare dalla fantasia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. D’accordo con il direttore, il risultato più giusto sarebbe stato come minimo il pareggio, obbiettivamente devo però dire che nel primo tempo, dopo dieci/quindici minuti di predominio nostro, loro ci hanno chiuso gli spazi e la vedevo male. Subito il rigore inventato da quella faccia da c.lo di Mazzoleni, nel secondo tempo la partita l’abbiamo fatta noi ed ho visto una grande Viola, eravamo padroni del campo, per fortuna è arrivato quel gol un po’ fortunoso (comunque la palla era indirizzata nello specchio), e poi quella dormita in difesa che ci è costata la partita, peccato. Ora avanti così che le soddisfazioni arriveranno sicuramente.

  2. Ma cosa vi aspettavate dalla partita di ieri? non certo il risultato. Come sempre le strisciate devono vincere punto e basta. Giusto l’articolo: abbiamo la percezione di avere una squadra degna di Firenze.

  3. l’obiettivo ora è vincere domenica, testa all’atalanta. ieri ci deve insegnare che non bisogna mai rilassarsi. sul piano arbitrale la società potrebbe e dovrebbe chiedere la non omologazione, come aggravante c’è il var che è stato utilizzato in modo improprio e soggettivo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.