Questo sito contribuisce alla audience di

VA BENE TUTTO, MA QUI SI ESAGERA!

Ianis Hagi in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Possiamo essere comprensivi quanto vogliamo, possiamo anche capire che l’istinto paterno abbia prevalso sulla ragione, ma il signor Gheorghe Hagi, grande campione sul campo in passato, per molti aspetti toccati nel suo sfogo l’ha fatta fuori dal vaso.

E’ vero, saremmo stati curiosi anche noi di vedere all’opera questo ragazzo in modo serio, prima di rispedirlo a casa, magari mangiandoci le mani in futuro, però a tutto c’è un limite.

Cosa non torna nel suo ragionamento? L’accusa più risibile è quella, neanche troppo velata, di razzismo nei suoi confronti. Da anni ormai la Fiorentina è diventata una babele, un coacervo di giocatori di mille nazionalità, tanto che ci si è posti pure il problema di un ritorno ad un minimo di italianizzazione della rosa. Figuriamoci se viene fatta discriminazione in base alla provenienza di un calciatore.

Ma soprattutto: che necessità c’è ancora di ritornare su questa vicenda da parte sua? Ha ripreso il figlio? Ce l’ha con lei? Ha ottenuto quello che voleva? Bene, ora puoi gestirti un campione (a detta tua), a tuo completo piacimento e se ci sono già state tre offerte (altre parole testuali dello stesso Hagi) c’è pure la possibilità di farti subito una bella plusvalenza. Se Ianis poi esploderà come calciatore saremo contenti per il ragazzo (che si è sempre comportato bene a Firenze) e lei potrà prendersi la sua vera rivincita nei confronti di chi lo ha mandato via troppo presto. Senza però sparare qualche bischerata di troppo.

Gheorghe Hagi esplode contro la Fiorentina: “E’ peggio della Romania ai tempi della dittatura. Ha cento milioni di budget ed è undicesima con Pioli”

Gheorghe Hagi attacca Corvino: “Ianis non lo facevi giocare perché è rumeno, hai perso un grande giocatore. Si vanta di quanti giocatori ha scoperto ma io…”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

42 commenti

  1. @Fredator. E in quel caso De Laurentiis sbaglierebbe perché potrebbe semplicemente dire al Milan che hanno perso un gran giocatore e tra qualche anno si morderanno le mani e stop. Non interessarsi del loro budget,dei giocatori che comprano o vendono e dagli della società dittatoriale con ds razzista. Queste non sono esternazioni lecite di un padre,ma esternazioni di un padre esaltato e fuori di testa. E te lo scrivo con cognizione di causa,perché ho avuto a che fare con decine di genitori quando ero un dirigente dei ragazzini dell’Empoli. Quei ragazzini che avevano un genitore così,anche se fossero stati dei novelli Baggio,venivano allontanati all’istante. E ad Empoli di come si fa a crescere il settore giovanile pensi che ne sappiano molto più di tante altre squadre. Quasi di tutte le altre italiane tranne forse che dell’Atalanta.

  2. Ma l’avete visto giocare in primavera? Io sì e devo dire che ha una buona tecnica ma non vince un contrasto. Per la serie A non penso che era pronto, almeno fisicamente. Il babbo parla da genitore e non è obiettivo. Non gli darei risalto a queste dichiarazioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.