Volti freschi in partenza per Moena. Da Amatucci a Gentile, ecco tutti i giovani premiati da Italiano per il ritiro

No, non sarò qui a dirvi che diventeranno dei campioni. Nemmeno che conquisteranno un posto in rosa dopo aver destato un’ottima impressione in ritiro. Troppe le variabili e le incognite per potersi oggi esprimere. La qualità però è evidente e non c’è dubbio che i 6 volti più giovani della Fiorentina a Moena sono di calciatori interessanti, meritevoli di attenzione. Come ha detto di recente Pradè, la via della continuità tra settore giovanile e prima squadra vuole essere uno stimolo per i ragazzi del vivaio viola.

Mister Italiano ha di confermare Krastev, che aveva già preso parte alla preparazione nella passata estate. Il 2003 bulgaro, arrivato grazie a Pantaleo Corvino, è un calciatore di grande fisicità ed intelligenza tattica. Cresciuto come mediano, Krastev ormai gioca stabilmente da difensore centrale, sia come perno di un reparto a tre che in una linea a 4 uomini. E’ la prima volta di Davide Gentile, terzino di grande spinta, nato addirittura nel dicembre 2003. Prelevato dal Benevento, il giovane cursore è un elemento molto propositivo sulla fascia, perfettamente in grado di ricoprire la posizione di terzino ma anche quella di tornante. Grande corsa, buona tecnica, Gentile è un laterale intraprendente e che certamente ben si sposa con i dettami del calcio di Italiano.

I giovanissimi 2004

Sono invece classe 2004 Costantino Favasuli e Lorenzo Amatucci. I due calciatori, da tempo nel vivaio viola, hanno bruciato le tappe e dimostrato di meritare attenzione e fiducia da parte di Aquilani e poi di Italiano. Amatucci è reduce da un’eccellente stagione, culminata con l’argento ai Giochi del Mediterraneo con l’Italia Under 18. Il ragazzo toscano è bravissimo nella gestione della palla, rapido di testa e di gamba. Nonostante un fisico minuto, è estremamente abile nella lettura delle situazioni in campo e questo gli permette di essere elemento prezioso anche in fase di non possesso. Autentico jolly invece Favasuli, impiegato da quinto a sinistra, terzino, ala, e talvolta anche mezzala. Grintoso, di grande temperamento e fisicamente inesauribile.

Gli attaccanti forgiati da Aquilani

Ha già debuttato in Serie A Filippo Distefano, che Italiano ha premiato contro la Sampdoria nella passata stagione. Attaccante versatile, Distefano ha giocato sia da seconda punta che da esterno d’attacco, talvolta anche da trequartista puro. Velocissimo, tecnico, Distefano è un altro giocatore molto adatto alla filosofia della Fiorentina vista nell’arco dell’annata 2021-2022. Anche Eljon Toci si metterà al servizio di Italiano. Dopo 15 reti totali in stagione, ecco che arriva la ricompensa per la punta albanese. Calciatore intelligente, bravo a lavorare di sponda e per la squadra, Toci dispone di buon fisico e colpi notevoli sotto porta. Stabilmente convocato in Nazionale, sarà sicuramente il leader della Primavera nella stagione in arrivo; nel frattempo il ragazzone nato a Diber potrà prendere confidenza con gli schemi di mister Italiano.

Guarda i commenti (9)

  • Favasuli ottimo giocatore, eclettico, grande garra, un vero guerriero. Ottimi anche Amatucci, Bianco e Tocj che ricorda molto Vlahovic per struttura fisica e per come difende la palla anche se, rispetto al serbo, è più completo in quanto gioca con entrambi i piedi ed è più forte nel gioco aereo, inoltre a parità di età segna anche di più, non è un caso che venga costantemente convocato nella nazionale maggiore albanese pur essendo solo un 2003. Mi sorprende che non ci siano i gemelli Pierozzi, dato che Edoardo dopo una stagione in B con l'Alessandria è stato addirittura convocato da Mancini per uno stage. Personalmente lo conosco poco mentre ho visto spesso giocare il gemello Niccolo che quest'anno in C ha segnato 8 gol e fornito circa una decina di assist, niente male per un terzino che, tra l'altro, ha segnato sempre gol decisivi e determinanti anche nella primavera vincente di Aquilani. Se dovessi scommettere 10 euro li punterei su Tocj e Niccolò Pierozzi.

  • fradiavolo con tutti sti stracci bagnati nel muso che ti becchi chissa' come stai fresco! Cefolo.

  • Non sì vince tre volte la coppa Italia per un caso....
    Più primavera meno kokorin

  • Giusto portare qualche giovane in ritiro , ma ad oggi onestamente forse il solo Bianco anche gli farei fare un campionato da titolare in qualche squadra di serie B o qualche squadra di serie A che gli permetta di giocare , comunque non vedo nella primavera viola un solo elemento che possa giocare in prima squadra.

  • Krastev mi è sempre piaciuto moltissimo ma non capisco l'insistere nel metterlo centrale di difesa.... è un regista, un mediano con garan fisico e gran visione di gioco.... è il suo ruolo.

  • Il migliore secondo me è Bianco anche se non lo hai menzionato

    • Lo apprezzo molto come calciatore ma non è più un 'giovanissimo' ormai, per questo non l'ho incluso qui. Classe 2002 si allena con la Prima Squadra da molto ed ha già 2 presenze e varie convocazioni in gare ufficiali. Un saluto.

  • Lo scopo del vivaio è proprio quello di creare calciatori competitivi, al di là delle vittorie, che non guastano. Penso che dei sei ragazzi, Amatucci e Gentile siano veramente da seguire. Krastev ha doti ma ancora non ho capito cosa possa diventare del tutto. Dovrebbe andare in prestito secondo me e sarebbe una mossa giusta secondo me.

Articoli correlati