Fuoco di paglia

Foto: Subbiani/Fiorentinanews.com

Solo come così si può definire la bella Fiorentina vista a Cagliari, al netto della partenza ad handicap con il gol incassato da Di Gennaro in apertura. Ieri sera contro il Crotone sono riemerse le ataviche difficoltà a segnare, meno evidenti quelle nel tiro in porta perché i calabresi sono davvero poca cosa a livello tecnico. La squadra di Sousa però non ha saputo approfittare della scarsezza altrui e a poco serve rifarsela con il campo o con un presunto rigore su Kalinic nel finale. Contro una formazione ferma ad un punto a fine ottobre e sempre sconfitta in trasferta, la Fiorentina non può accettare altro risultato che la vittoria. Il Sant’Elia aveva illuso e purtroppo ci troviamo a constatare che la Fiorentina è tutt’altro che sulla via della guarigione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Loro la gamba la mettevano mentre noi no. Questa la differenza. Sul gol è evidente questo.

  2. Diciamo che è su una via. Vediamo quale:

    -) Via i DV da Firenze ?

    -) Via dai cogl…i tutti e rifondare la squadra ?

    -) Via dalla serie A per andare in B ?

    -) Via Via anche oggi s’è regalato un punto all’avversario e ne abbiamo persi 2 noi.

    -) Via tutti dallo stadio.

    -) Via via, vo a mangià quarcosa. Bona ugo !

  3. Se una squadra palleggia lateralmente e nessun giocatore fa movimento senza palla la conseguenza è che non ci sono spazi per tirare in porta da dentro l’area o da poco fuori…è sbagliato il concetto di costruzione gioco è sono piu di trenta partite che va avanti così…penso che giochiamo il calcio più noioso e inutile in Italia e tra allenatore e società non so chi abbia le colpe maggiori..adesso c’è solo da ESONERARE L’ALLENATORE CHE ANCHE IERI SERA HA DETTO CHE LA FIORENTINA HA FATTO UNA BUONA PARTITA..almeno stesse zitto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*