Questo sito contribuisce alla audience di

Il fattore D

Diego Della Valle si presenta al Franchi e la Fiorentina gli conquista una finale di Coppa Italia, anzi la prima, davanti agli occhi. Il proprietario viola (che era comunque già tornato nell’impianto fiorentino) insieme al fratello Andrea aveva avuto un ruolo taumaturgico quando era piombato nel ritiro dell’allora squadra di Delio Rossi che espugnò San Siro dando una grossissima boccata d’ossigeno su una salvezza da sudarsi. Correva la stagione 2011/12 e i viola si salvarono solo alla penultima giornata, mentre adesso grazie alla finale contro Roma o Napoli ha già conquistato con mesi di anticipo almeno un posto in Europa League (dando per scontato che giallorossi e azzurri giungano nelle prime quattro o cinque posizioni). Dopo due anni, conditi dal bel gioco e dal ritrovamento dei tifosi, adesso però c’è la possibilità di mettere un torneo in bacheca, mai posto dai Della Valle, e a 13 anni di distanza dall’alzata della sesta Coppa Italia della storia, prima della caduta dell’era Cecchi Gori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA