Questo sito contribuisce alla audience di

Pensavate davvero che non avrebbe sbagliato?

Una delle tematiche più discusse nell’ambiente fiorentino è quella relativa al rendimento di Alban Lafont, estremo difensore acquistato dalla Fiorentina in estate dopo aver preso la decisione di non riscattare Sportiello dall’Atalanta. Proveniente dal Tolosa, il francese ha disputato tre stagioni in Ligue 1 prima di sbarcare in riva all’Arno: tutto questo senza aver ancora compiuto venti anni, in quanto la carta d’identità recita 23-01-1999. E proprio la giovane età deve essere considerata nel giudizio di un giocatore, a maggior ragione in un ruolo delicato come quello del portiere dove solitamente si raggiunge la maturità più tardi. Pensavate davvero che Lafont non avrebbe sbagliato? L’estremo difensore francese deve giocoforza commettere degli errori, com’è naturale che sia, per proseguire nel suo percorso di crescita. L’errore, se di errore si può parlare, è stato non aver puntato su un portiere d’esperienza: tornare indietro nel tempo è impossibile e anche se lo fosse, difficilmente Corvino cambierebbe scelta. L’ultima imperfezione è arrivata sul gol di Duncan, ma c’è anche da dire che spesso la difesa non lo aiuta a diminuire gli errori: più in generale, le uscite sembrano il difetto maggiore di Lafont, come dimostra anche il gol subito contro la Roma. Non possiamo dirvi cosa succederà in futuro, ma uno scellino su Lafont noi lo scommettiamo volentieri: le possibilità per fare bene ci sono tutte, ora tocca all’ex Tolosa metterle in pratica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Il titolo fa pensare che qualcuno pensasse di avere un fenomeno e non un ragazzo di venti anni da sgrezzare.
    Il problema per Lafont non e’ la giovane eta’ , ma le lacune tecniche che non non so se si colmano con l’ esperienza.
    Quando si respinge con i pugni bisogna farlo verso la parte laterale del campo non verso il centro (leggi gol di Duncan). Sul gol di Sensi ho avuto l’impressione che lui volesse fare un volo plastico, come curvare in grande stile, ed è arrivato in ritardo. A Frosinone prese un gol da fuori area. Sul gol di Chiellini ha molte responsabilità. Sono solamente le ultime partite dove abbiamo preso 7 gol dei quali almeno 4 lo vedono corresponsabile.
    Sui tiri da lontano deve migliorare e di molto così come sulle uscite. Ho l’impressione che sia poco esplosivo sulle gambe. Sui rinvvi è simile a Sportiello. Lasciamo perdere. Quello che mi lascia perplesso è il giudizio: Lafont può e ha il diritto di sbagliare. Dragowski no.
    Se si voleva puntare su un portiere giovane, avevamo lui, si poteva comprare un vecchio marpione , tipo Sorrentino, e spendere gli 8 milioni per un centrocampista. Ma probabilmente Corvino aveva altri interessi…….certamente non può che migliorare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.