Questo sito contribuisce alla audience di

Calamai: “Muriel avrà gli stessi problemi di Simeone se non gioca insieme ad un’altra punta. Obiang? Se lascerà il West Ham andrà sicuramente alla Fiorentina”

Il giornalista della Gazzetta dello Sport Luca Calamai ha parlato a Radio Blu in merito alla situazione della Fiorentina al termine del girone d’andata: “il tempo dell’attesa è finito e ora bisogna fare gli esami veri. La Fiorentina ieri ha vinto grazie al temperamento e ad un ragazzo che sta diventando un fenomeno. Ho visto una squadra bella e tosta, forse il ritiro a Malta ha dato un po’ di compattezza in più, visto anche che Simeone è entrato dalla panchina con il giusto piglio. Muriel? Vedendolo giocare ho notato gli stessi problemi che aveva Simeone. e confermo che il meglio di sé può darlo solo se gioca con accanto un’altra punta. Veretout? Spero torni a giocare nel suo ruolo, perché i viola perdono tantissimo e Pioli ci ha messo troppo tempo per accorgersene. Obiang? Io non lo darei come perso: se andrà via dal West Ham allora approderà sicuramente alla Fiorentina. Non so esattamente che ruolo possa fare, vorrei un giocatore dalle caratteristiche più precise, così come c’è attenzione sui gioiellini dell’Empoli“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Pio Canti Senefreghetti

    Spesso, ma quasi sempre non concordo con Calamai che …..come si puo dire …è sempre troppo aziendalista ,filo societario ,ma questa osservazione tecnica la condivido ,credo anch’io che Simeone e Muriel debbano giocare insieme per rendere al massimo .

  2. Allora se son gioiellini cosa si aspetta ?

  3. Ma chi dice che ci vuole una seconda punta non considera due aspetti:che miralles e’ una seconda punta,fino a prova contraria;e soprattutto non considera affatto l’apporto da un punto di vista tecnico, che lo stesso miralles da al centrocampo.Quando viene simeone a partecipare alla manovra(cosa che una seconda punta deve fare per forza),ogni pallone e’ perso.

  4. Bisogna che si giochi a 2 punte, sono d’accordo con calamai. Bene l’ingresso di Simeone.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.