Questo sito contribuisce alla audience di

Caressa shock: “La Juventus telefonò a Sky per chiedere la testa mia e di Beppe Bergomi”

Il noto giornalista nonché direttore di Sky Sport Fabio Caressa ha parlato alla Bocconi di Milano, raccontando un episodio particolare e molto significativo riguardante la Juventus e risalente ai tempi di Calciopoli: “dopo che in telecronaca aveva detto che due rigori netti contro i bianconeri non erano stati concessi, la dirigenza della Juventus telefonò all’allora amministratore delegato di Sky per chiedere la testa mia e di Beppe Bergomi. È stata una pagina molto brutta e io sono stato testimone di quello che accadeva. Il nostro dirigente ci disse di ricordarci che noi eravamo Sky e che, visto che eravamo noi a dare i soldi alla Juventus per i diritti, non ci saremmo mai dovute piegare alle sue volontà. Il giorno dopo la partita, sulla prima pagina del Corriere della Sera uscirono due colonne di attacco nei confronti miei e di Bergomi in cui la realtà veniva mistificata in una maniera ignobile. Non dico il nome del giornalista per rispetto, ma in seguito uscì la notizia che era colluso con alcune persone dell’ambiente bianconero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Forse sarebbe stata l’unica volta che i gobbi avrebbero fatto una cosa sensata….
    Oltre che incompetente insieme allo scolaretto con gli occhiali formate una coppia inguardabile e soprattutto insensibile..
    Il fatto che lo abbiano fatto parlare alla Bocconi dimostra la pochezza della nostra istruzione ….

  2. Caressa hai sempre leccato con vigore tutti i posteriori dei dirigenti rubentini e quella fu la giusta ricompensa.

  3. Fa parte dello stile juventus… nulla di nuovo, che ti vuoi aspettare da gente che rinchiude gli arbitri negli spogliatoi?

  4. Non parlate male della rubentus che triglia di scoglio da buon livornese ne è innamorato…gobbo livornese puah…FV

  5. SOCIETÀ di CACCA

  6. Notizia VECCHIA (Aprile 2017) . Esiste anche un video ripreso da uno studente all’università.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.