Il Direttore Generale della Fiorentina: "Non ci è stato permesso di realizzare il nuovo stadio. Siamo disposti a trattare con Comune e Governo, ma vogliamo garanzie. Dove giocherà la Fiorentina?"

Scritto da Redazione  | 
Barone sorridente. Foto: Vicario/Fiorentinanews.com

Il direttore generale della Fiorentina è intervenuto a Radio Sportiva il giorno dopo la vittoria viola sul Genk in Conference League. Ecco le sue parole: “Partita difficile ieri sera, contro un avversario abbastanza forte e molto organizzato. Teniamo molto alla Conference, ieri abbiamo ottenuto un risultato voluto pur soffrendo tanto”.

Sulla questione stadio: “Dal primo giorno qui, Commisso voleva fare lo stadio con i soldi della Fiorentina, quindi con i suoi. Non ci è stato permesso di realizzare uno stadio nuovo, dunque siamo andati avanti con la nostra programmazione, che prevedeva anche il Viola Park. Ad avere il futuro del Franchi in mano è il Comune di Firenze, ma noi siamo disposti a metterci al tavolo con il Governo e col Comune. La domanda più importante, tra queste, è dove giocherà la Fiorentina. Al momento non sappiamo dove andremo, abbiamo richieste da altre città e non è facile: Empoli, Bologna…”.

Sul Padovani: “Se ne parla, ma non abbiamo alcuna certezza. Bisogna capire chi mette i soldi, come gestire gli spazi… mancano tante informazioni. Prima di parlare di un restyling, servono garanzie su dove si andrà a giocare”.

Sul Viola Park: “Abbiamo realizzato una cosa rara, incredibile. Il centro sportivo è innovativo, accogliente, è stato visto dal ministro Abodi, dalla UEFA e dalla FIFA. La visione è totale”.

Ventura: "Mi aspettavo qualcosa in più dalla Fiorentina. Italiano ha più di due anni di lavoro alle spalle e la squadra..."
La prima parte di stagione della Fiorentina ha visto progressi migliori rispetto alla scorsa, ma non ha convinto a pieno...

💬 Commenti (15)