Fiorentina, i tuoi problemi sono gli stessi: per il salto di qualità serve gestire le partite fino in fondo, ma a Genk è andata pure bene

Scritto da Redazione  | 
Lo sguardo attento di Vincenzo Italiano. Foto: Vicario/Fiorentinanews.com

La Gazzetta dello Sport analizza quella che è stata la partita di ieri all'esordio in Conference League della Fiorentina contro il Genk. Nonostante l'inattesa doppietta di Ranieri, la squadra di Italiano si è imbattuta in un 2-2 che ricorda a tratti il pareggio con cui si era aperta anche la scorsa edizione della coppa europea per i viola, pareggiando contro il più modesto Rigas

Alla fine - scrive la rosea - i problemi della squadra di Italiano sono i medesimi: non riesce ad essere se stessa per tutti i 90 minuti e alla fine i cali di concentrazione costano caro. E alla fin fine è andata pure bene, visto il clamoroso palo colpito da Arokodare allo scadere. E a proposito di giocatori subentrati, stavolta a fare la differenza sono stati i cambi del Genk. Quelli di Italiano non hanno inciso abbastanza sul match. 

Le nostre PAGELLE: Ranieri vive la sua giornata indimenticabile, un 'bomber' dalla faccia pulita. Duncan mismatch perdente, Nzola ancora non ne va una bene
Christensen: 5,5 Uscita totalmente sbagliata al 35'. McKenzie però si traveste da buon samaritano moderno, decidendo di...
 

 


💬 Commenti (14)