L'ex centrocampista viola Borja Valero. Foto: Anatrini
L'ex centrocampista viola Borja Valero. Foto: Anatrini

A Radio Bruno l'ex centrocampista della Fiorentina Borja Valero, tornato in viola dopo l'esperienza all'Inter proprio dopo l'avvento della proprietà Commisso, ha commentato la scomparsa del dg viola, avvenuta nella giornata di martedì scorso.

‘Barone figura intensa in tutto ciò che faceva, a volte ci toccava anche litigare’

‘È un momento difficile quello che sta vivendo Firenze, che sta soffrendo troppo spesso questo tipo di vicende e non lo merita. Barone era una persona molto intensa in tutto ciò che faceva, dedicando tutto il tempo possibile alla Fiorentina. Ho vissuto con lui una stagione in cui non andavamo bene, ai tempi del Covid, lui era molto presente. A volte ci toccava anche litigare ed era giusto così; una persona molto presente e familiare. Ci difendeva sempre, in ogni ambito in cui doveva farlo’.

‘Momenti come questi legano ancora di più la squadra alla tifoseria’

Barone c’era sempre anche quando ci allenavamo ai campini, chiamandoci e parlando con noi se avevamo bisogno. Ripartire ora non è per niente semplice per il gruppo. Quando morì Astori la squadra trovò motivazioni in più. Adesso la squadra ha una ragione in più per arrivare al successo. Tornare ad allenarsi assieme ai compagni rende le cose un po' più semplici in questi momenti. Un momento come questo ti lega ancora di più alla tifoseria e lo abbiamo visto ieri al Viola Park, può guarire qualche ferita che poteva essere aperta e questa è una chiave importante per portare avanti gli obiettivi stagionali'.


💬 Commenti