"Italiano non è ruffiano e forse per questo non ha gran feeling coi tifosi. La Fiorentina si gioca tanto in una settimana e servono i gol delle punte"

Scritto da Redazione  | 
Il tecnico Vincenzo Italiano. Foto: Vicario/Fiorentinanews.com

Il giornalista de La Nazione Giampaolo Marchini a Radio Bruno si è proiettato sull'umore in casa viola e sui prossimi impegni della Fiorentina.

Parla così Marchini: “La gara di giovedì col Genk è complessa, per tanti motivi; per assurdo, la Fiorentina si gioca tanto nell'arco di sette giorni. Anche con la Salernitana sarà una gara decisiva, così come contro il Parma. Queste sono partite dove hai tutto da perdere, anche se sulla carta non dovresti avere problemi. La Fiorentina è convalescente e deve trovare i propri giocatori in attacco”. 

Italiano? Forse è la crisi del terzo anno, come il settimo per i matrimoni. Anche quando le cose andavano bene forse non c'era un buon feeling. Non fa il ruffiano e quindi non piace. Ovvio che quando le cose non vadano bene il primo a essere messo in discussione sia l'allenatore. La Fiorentina a dare continuità alle prestazioni, alterna prove convincenti ad altre che danno da pensare e non assomigliano alla squadra brillante vista nella parte finale della scorsa stagione”. 

“Se si guarda la classifica però è migliore della scorsa stagione e il livello del campionato è anche più basso rispetto all'anno passato. Banalmente la Fiorentina è a 4 punti dalla Champions e onestamente non sta rendendo come dovrebbe. L'impressione è che basterebbe un qualcosina in più per arrivare in posizioni importanti. Certo è che gli attaccanti segnano poco, a San Siro è mancato anche Arthur che dovrebbe gestire il gioco”. 


💬 Commenti (12)