Italiano: "All'inizio non siamo scesi in campo, lo stadio stava per abbandonarci... ci siamo aggrappati all'orgoglio. Qualche applauso in più a Nzola e magari gli scatta la scintilla"

Scritto da Redazione  | 

Parole in conferenza stampa per il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Italiano: "Do lo stesso peso al brutto primo tempo e alla grande reazione, perché senza questa oggi non avremmo superato il turno. Nel primo tempo non siamo scesi in campo, in tanti non sono riusciti ad entrare dentro la partita e a indirizzarla, sapevamo che il Parma è bravissimo a ripartire e abbiamo pagato diverse situazioni. Con i cambi siamo riusciti a reagire e a non concedere niente a loro. Malissimo nel primo tempo però bene per la grande reazione da squadra che aveva voglia di superare il turno.

Christensen? Confermo che sta crescendo, è da un bel po' che insieme a Maxime, ad Arthur e ad altri che sono arrivati quest'anno, hanno un atteggiamento diverso. E' più dentro a tutte le cose, è sereno e tranquillo e oggi l'ha dimostrato. La crescita vista oggi la mostra durante la settimana e sono contento, è un portiere di valore.

Fischi ingenerosi? Dispiace per i fischi, lo stadio stava per abbandonarci, poi siamo stati bravi a rimettere in piedi la partita. Bisogna capirlo che si possono ribaltare risultati quando siamo tutti insieme, quei mugugni si sono sentiti e meno male che ci siamo aggrappati all'orgoglio.

Nzola? E' un problema suo, qui tutti lo stiamo aspettando e sappiamo cosa può dare. Sappiamo che è un generoso, deve darci quello che dicono le sue caratteristiche. Oggi l'abbiamo aiutato buttando tutti quei palloni nella mischia, lì ha iniziato ad aprire gli alettoni e a tenere botta. Quella palla recuperata forse gli ha fatto scattare qualcosina, se lo aiutiamo e gli diamo qualche applauso in più… Firenze mette pressione ma quando vede sacrificio, restituisce. Ha fatto un grandissimo gol".


💬 Commenti (9)