Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli: “Prestazione convincente, un processo di crescita innegabile. Aver preso un gol così? Davvero un peccato”

L’allenatore della Fiorentina, Stefano Pioli, intervistato da Sky, ha comunque difeso dalle critiche la propria squadra: “Il Cagliari ci ha messo in difficoltà sì, ma l’abbiamo gestito bene il vento nel primo tempo. La squadra è stata molto compatta ed ordinata e abbiamo fatto di tutto per vincere. Abbiamo preso gol in un’azione in cui eravamo ben piazzati ed è un peccato, ma non siamo riusciti a vincere. Non è stata una partita facile per i nostri attaccanti perché gli hanno concesso pochi spazi, abbiamo creato quattro o cinque occasioni importanti senza concretizzarle. La partita l’abbiamo fatta per tutto quello che abbiamo preparato e ho visto una squadra compatta e vogliosa, che ha fatto una prestazione convincente. Mi dispiace che gli ultimi due risultati non siano stati positivi, ma il processo di crescita c’è e dobbiamo continuare con questa volontà e con questa voglia di giocare. Veretout si sta confermando per il giocatore che conosciamo perché ha tutto, coraggio, carattere, intelligenza nello smarcare i compagni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. prestazione insufficiente!! bisogna dare tutti di più. non ci sono scuse per il tempo o altre cose!! il cagliari non esiste che abbia pareggiato in quel modo!! testa a sabato ora!!

  2. processo di crescita == si vede solo palla a chiesa e e lanci lunghi niente di niente partita bengiocata ? ma come si puo dire un primo tempo senza un tiro in porta il secondo tempo l’occasione migliore per vincere è del cagliari onestamente una delusione sia come gioco e anche nei commenti dopo e per favore la smetttesse di parlare e nascondersi dietro Astori basta il nostro capitano non c’è piu lasciamolo riposare in pace

  3. Ma che partita ha visto Pioli? Squadra compatta, vogliosa e ordinata….. questo spiega perché gioca così male perché il tecnico è in totale confusione. Io non voglio contestare mi auguro soltanto che questo tecnico pavido e timoroso di perdere prenda il coraggio a due mani e giochi per vincere. Mai una verticalizzazione, mai un fraseggio di un centrocampo in confusione ma soli passaggi all’indietro per paura di sbagliare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.