Questo sito contribuisce alla audience di

Sentite Valeria Marini: “L’arresto di Cecchi Gori fu un complotto”. Le clamorose rivelazioni dell’ex compagna del presidente viola

Dichiarazioni non da poco, quelle riportate da Valeria Marini a Peter Gomez nell’ultima puntata del suo La Confessione. La showgirl ha infatti ricordato dal proprio punto di vista il celebre arresto di Vittorio Cecchi Gori nel 2001. Allora, Valeria Marini era compagna dell’imprenditore, presidente e proprietario della Fiorentina. L’episodio, che vide l’irruzione delle forze dell’ordine nella proprietà di Cecchi Gori al fine di rivenire un certo quantitativo di cocaina, fece un certo scandalo, e minò seriamente la carriera dell’imprenditore toscano. Un’operazione di polizia quantomeno sconsiderata, come ricordato dalla Marini. Che, come riporta Velvet Gossip, in televisione non ha esitato a definire il tutto “una farsa“.

“Fu una situazione da film“, il ricordo di  Valeria Marini del celebre raid in casa di Vittorio Cecchi Gori. “Quando arrivarono per fare la perquisizione, c’erano già le telecamere dei giornalisti sotto. Una farsa, tutto era stato costruito. La prova fu il momento del famoso rinvenimento della cassaforte con i narcotici. “Vittorio non sapeva di questa cassaforte eppure le telecamere lo sapevano e lo dicevano prima ancora che la polizia la trovasse”.

I sospetti si spostano allora verso un’ipotesi di complotto vero e proprio, almeno a sentire la versione di Valeria Marini. Alle domande incalzanti di Gomez sulle modalità di rinvenimento della cocaina, l’ipotesi è che “nella cassaforte ce la mise qualcuno. Vittorio veniva da una situazione personale molto difficile, tante gente non gli era sincera. I famosi incastri“.  Non ha dubbi, Valeria Marini: l’arresto di Cecchi Gori fu ingiusto e traumatico, oltre che sospetto: “Di una cosa sono sicura, che lui fosse all’oscuro ti tutta quanta la cosa“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Tifolamagliaviola

    In casa Cecchi Gori c’erano solo due tifosi viola: Marione e la Signora Valeria. Vittorio ha bruciato una fortuna enorme dopo la morte del padre con le donne e lo zafferano, circondato da un nugolo di profittatori. Non c’e’ stato bisogno di nessun complotto

  2. Ho sempre pensato che l’avessero incastrato e non perchè lo dice ora la Marini . Troppo elementare e volutamente mediatica la vicenda , da film comico, la cassaforte , l’entrata in scena della polizia con le telecamere giá li , le novelline che tutti sappiamo su cosa è stato trovato oltre che allo zafferano e l’atteggiamento degli attori……insomma un bel filmino tragicomicohot che ha segnato la fine di Vittorio…..vergogna !

  3. L’ho sempre pensata così.
    Vittorio unico presidente col cuore viola.
    Poteva salvarsi vendendo Nuno Gomez e un altro giocatore che non ricordo.
    Non glielo hanno permesso buttandogli addosso un amministratore giudiziario.
    La gente dimentica in fretta perché non vuole mai stare sul carro di chi perde.

  4. Certo ha dato noia a qualcuno FIRENZE troppo clamore vedi RENZI. VITTORIO CECCHI GORI aveva comprato la TELEMONTECARLO e lui non poteva gestire tutto da solo ma ci voleva qualche imprenditore Fiorentino che desse una mano. Purtroppo a FIRENZE ci sono le gelosie e vedi DV che devono gestire tutto da solo così è stato per Vittorio. Mi chiedo se devo tengo un quantitativo di Droga non la metto dentro la cassaforte ma la nascondo meglio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.