Questo sito contribuisce alla audience di

Una gloriosa tradizione rischia di essere rovinata: la maledizione degli ultimi 10 viola

Ormai possiamo dirlo senza paura di essere smentiti: il numero 10 in casa viola è davvero maledetto. Non è un caso infatti che negli ultimi anni una maglia così importante sia poi finita addosso a dei giocatori che neanche lontanamente l’hanno onorata. L’ultimo caso è quello di Pjaça, potenziale top player arrivato per far sognare Firenze e invece già finito alla porta dei trasferimenti; discorso analogo per Eysseric, che l’anno scorso il 10 lo indossò più in panchina che in campo e adesso è tra i probabili partenti del mercato di Gennaio. Andando indietro con gli anni la situazione non migliora: se Bernardeschi poteva meritare quella maglia per talento e attaccamento a Firenze, il suo sì alla Juventus ha invece poi vanificato tutto; per non parlare della nefasta stagione 2011/12, quando il numero 10 fu diviso tra Ruben Olivera e Santiago Silva. Insomma, per risalire a un degno possessore del numero che fu del grande Antognoni bisogna risalire ad Adrian Mutu, che lo indossò e onorò dal 2006 al 2011. In generale, però, il bilancio è assolutamente negativo e le statistiche dicono questo: per indossare il numero 10 alla Fiorentina non c’è bisogno di essere un grande giocatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Triglia di scoglio

    Ma cosa ca77o vuoi ritirare? Devi compra’ ma buoni giocatori.

  2. Non è la maglia n. 10 che è maledetta ma la dabbenaggine di darla a gente sbagliata( Aquilani Essyeric Piaca). La soluzione è ritirarla

  3. Triglia di scoglio

    Mah! Io direi che per indossare la maglia della Fiorentina non bisogna essere grandi giocatori. Senza distinzione di numero.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.