Questo sito contribuisce alla audience di

Moggi demolisce Babacar: “Con lui in campo la sua squadra gioca in inferiorità numerica”. E aggiunge: “Fiorentina eccezione nel resto del gruppo”

L’ex amministratore delegato della Juventus, Luciano Moggi, ha scritto il proprio editoriale su Libero. Sul giornale ha demolito l’ex attaccante della Fiorentina, ora al Sassuolo, Khouma El Babacar: “Vince la Juve a Reggio Emilia, contro il Sassuolo, un 0-3 che chiarisce i valori in campo. Tra i bianconeri il migliore è Khedira, a tutto campo, come aveva già dimostrato contro il Parma, seguito da Ronaldo e Mandzukic e in parte da Pjanic. Senza infamia e senza lode la difesa confermata dopo Parma: ha fatto bene Allegri a non utilizzare Chiellini visto che, con Babacar in campo, gli avversari giocano spesso in inferiorità numerica. Con questi due giocatori è cambiato il volto del Milan che si insedia, solitario, al quarto posto, a quota 39 punti, precedendo di un punto Roma, Lazio e Atalanta. Di queste, chi fallirà la qualificazione Champions avrà a disposizione quella dell’ Europa League. Assieme a Juventus, Napoli ed Inter, formano il lotto migliore del nostro campionato: il resto sembra addirittura appartenere ad altro girone, fatta eccezione per Torino, Fiorentina e Sampdoria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Moggi o non Moggi…
    Babacar è sempre stato così: latitante.
    Ha gravi lacune tattiche, un non senso del gioco per la squadra.
    L’istinto di buttarla dentro non può bastargli.
    Lui non ne prende una, non ne tiene mezza in mezzo alla difesa avversaria.
    La Viola a venderlo ha fatto quel che doveva.
    Baba o non Baba…però…dalla sua cessione non ha mai acquistato una punta in grado di fare la riserva e subentrare.
    Simeone e Muriel dovrebbero essere considerati due titolari. A prescindere da chi giochi.
    E il terzo attaccante di ruolo?
    Dov’è?
    Lasciamo perdere i ragazzini.
    Si lasci perdere Babacar.
    La sua grande carriera è all’apice.
    Ormai non è più neanche troppo giovane.
    Lui è questo.
    Il latitante che si vede a Sassuolo e quello che si è visto girellare in campo a Firenze, più smarrito che altro.
    Gli attaccanti veri non sono quelli che la buttano dentro ogni tanto.
    Sono quelli che, buttandola dentro, giocano novantasei minuti per la squadra avendo fiuto e senso tattici.
    Oggi, per arrivare in fondo a due competizioni, la rosa deve avere 13 – 14 titolari.
    E non 7 titolari e 9 riserve. Alcune delle quali tecnicamente non schierabili…
    Questa rosa è incompleta per l’Europa.
    E infatti, per me, sarà più un miraggio che un obiettivo concreto.

  2. Ma ancora lo fanno parlare questo qua? solo in ItaGlia certe persone possono circolare impunemente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.