Comotto: "Contro la Lazio la miglior Fiorentina della stagione, ma il modulo usato non è sempre applicabile. Parisi ha perso sicurezze. Italiano adesso è molto più flessibile"

Scritto da Redazione  | 

L'ex terzino della Fiorentina Gianluca Comotto ha parlato al Corriere dello Sport-Stadio sulla situazione attuale in casa viola dopo la vittoria contro la Lazio e alla vigilia della sfida al Torino. Queste alcune delle sue parole: “Lunedì ho visto una grande mole di gioco e tante occasioni create. Il risultato è stato solo il coronamento di una prestazione sontuosa. La migliore della stagione? Probabilmente sì. Alla fine credo che i gol siano stati anche meno di quelli che avrebbero potuto essere”.

‘Bonaventura più importante di Arthur, Jack unico nel suo genere’

E sul modulo usato contro i biancocelesti: “È applicabile solo in certe partite nell’arco dell’anno. Di sicuro è una soluzione in più. Ma io dico che la differenza la fa l’atteggiamento dei giocatori. Mi riferisco allo spirito di sacrificio. Se il calciatore si sacrifica, ogni modulo può essere giusto. Chi più importante tra Bonaventura e Arthur? Io non ho dubbi: Bonaventura. Jack è unico nel suo genere. Quando sta bene riesce a inventare, a dare superiorità. Fantasia. Poi è logico che Arthur al massimo della sua forma è un gran recuperatore di palloni”. 

‘Parisi ha perso sicurezze, verrà reinserito gradualmente’

E sullo scarso impiego di Parisi: “Intanto è stato impiegato un po’ in tutti i ruoli. Non è andato bene l’esperimento sulla fascia destra, ha perso un po’ di sicurezze. Ci sta. E comunque il passaggio da Empoli a Firenze richiede un attimo di adeguamento a livello di personalità. Verrà rimesso dentro gradualmente per poi farne il titolare”. 

E su Italiano: “Mi sembra che quest’anno sia stato più flessibile. Poi ultimamente sono mancati i risultati e la Fiorentina si è un po’ persa, ma ora la strada può portare di nuovo verso alti livelli”. 

Jack, è tutto un altro clima. E così il rinnovo si avvicina
Non era iniziato nel migliore dei modi il 2024 di Giacomo Bonaventura. Una debacle che ha seguito quella della Fiorentin...

 


💬 Commenti