In meno di un mese la Fiorentina sembra aver spento ogni speranza per la Champions League. Intanto i premi aumentano e una qualificazione per un'italiana vale (in ogni caso) più di 60 milioni

Scritto da Redazione  | 

La Gazzetta dello Sport fa una panoramica su quella che potrebbe essere la nuova Champions League in attesa delle cifre ufficiali. Quello che è certo è che la competizione sarà molto più ricca. Mentre la Fiorentina in meno di un mese sembra aver spento tutte le speranze di una qualificazione, i premi per il possibile raggiungimento dei posti valevoli per la partecipazione alla coppa dalle grandi orecchie varrà in ogni caso, per una squadra italiana, almeno 60 milioni

Il montepremi totale è aumentato del 30%, da 2 a 2,7 miliardi: anche con 4 squadre in più, da 32 a 36, i premi cresceranno. Le cifre potrebbero abbassarsi per chi, dall’Atalanta alla Fiorentina, ha uno “storico” meno prestigioso, ma, tra gli aumenti delle altre voci il segno sarà “più”. 

Qualche esempio: partecipare valeva 500 milioni, ora 750. Non parliamo dei risultati: da 600 a un miliardo. Ranking storico e market pool: valevano 300 e 600 milioni, ora assieme 950. E se il ranking stagionale non regala belle sorprese, dal quarto al quinto posto in campionato sarà come dal Sole alla Luna.

Polverosi: "Commisso e i suoi non credono alla Champions e la Fiorentina è diventata una squadra banale. Italiano, manca autocritica"
Nel suo articolo per il Corriere dello Sport-Stadio, Alberto Polverosi ha analizzato la situazione in casa Fiorentina do...

💬 Commenti (17)