Questo pomeriggio il giornalista de La Nazione Enzo Bucchioni, durante un collegamento con il Pentasport, ha analizzato l’arrivo di Palladino e tanti altri temi di casa Fiorentina. Questo un estratto delle sue parole:    

“I fatti confermano che Palladino è uno dei migliori allenatori emergenti”

“Sinceramente per quanto riguarda Palladino sono molto fiducioso, questo perchè quando mi esprimo quando vedo. Ho visto giocare il Monza e oggettivamente lui ha fatto bene: sia il primo anno quando arrivava dalla Primavera, che il secondo dove si è confermato. Il suo sponsor è un signore che si chiama Adriano Galliani, uno dei piu importanti dirigenti degli ultimi 30 anni. Poi parlo con chi lo ha visto crescere a Coverciano, che mi conferma che era uno dei piu interessanti del suo corso: geniale, grande applicazione, tanta voglia di crescere, oltre che a tantissime intuizioni. Tutto questo mi porta a pensare che sia realmente un allenatore molto interessante, emergente ma da seguire. Non posso dire che sia una scelta certa, come Conte al Napoli, ma ora tocca a lui dimostrare che il su biglietto da visita corrisponde alla realtà dei fatti. Molto meglio lui di Aquilani, che non ha ancora esperienza nel campionato maggiore”.

“Palladino avrà un contraccolpo dopo le parole di Sarri: appena sbaglierà qualcosa..”

Ha poi commentato le parole di Sarri: “Ho una stima di Sarri dal punto di vista tecnico enorme, però sono rimasto molto sorpreso dalle sue parole. Mi deve spiegare come mai Milan e Fiorentina avrebbero dovuto chiamare lui per la prossima stagione? Racconto quello che mi dicono i protagonisti ed ai tempi Joe Barone mi disse di non parlare mai di Sarri a Firenze perchè lui non l’avrebbe mai preso. Anche se fosse stato l’ultimo allenatore disponibile diceva che sarebbe rimasto senza. So anche i motivi ma non voglio parlarne. Prima dell’arrivo di Italiano ci furono contratti tra Acf e Sarri, ma è successo qualcosa che ha bruscamente rotto ogni rapporto. Questa storia non la voglio piu sentre, il suo è un modo di fare che mi piace poco. Se non ti prendono ci sarà un motivo. Così metti in difficoltà una società. Metti solo veleno sulla progettualità delle due squadre. Metti caso Palladino faccia male nella prima parte; queste dichiarazioni torneranno come un lampo attorno l’ambiente".

“Firenze e la Fiorentina hanno bisogno di giocatori che danno tutto per la maglia”

Ha anche analizzato alcuni profili che rientreranno a Firenze in estate: “Pradè ha detto che vorrebbe provare a trattenerlo, ma se Amrabat non vuole restare è giusto che se ne vada: chi non sposa la causa della Fiorentina è giusto che se ne vada. Serve senso di appartenenza, orgoglio e voglia di restare qui a Firenze, è questo quello di cui la Fiorentina ha bisogno. Chi sta in una squadra per fare carriera li devi sfamare prima di comprarlo: prima di valutare le doti tecniche servirebbe valutare la persona, l’uomo che c’è dietro. E la stessa cosa vale per Sabiri. Quando è stato qui ha creato molti problemi ad italiano, adesso non può permettersi di chiedere di tornare”.

“Retegui? Se piace a Palladino perchè no..”

Ha poi concluso parlando del centravanti: “La parola grande mi sorprende un po se si pensa a Retegui. E’ un attaccante interessante, tecnicamente da sprezzare ma con forza e visione della porta. Palladino può essere un allenatore ideale per la sua crescita, ma quello che penso io conta zero. Se lui è l’attaccante che vuole Palladino che si prenda subito prima dell’Europeo”

 

"Palladino dovrà prima svelare quale sarà il modulo della nuova Fiorentina, poi penseremo ai giocatori. Nico Gonzalez non so se.."
Questo pomeriggio l’ex attaccante della Fiorentina Claudio Piccinetti, durante un collegamento con Lady Radio, ha anal...

💬 Commenti (30)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo