Jacopo Vicini
Jacopo Vicini

Al fischio finale di Fiorentina-Lazio, gli uomini di Vincenzo Italiano – dopo aver giustamente esultato in mezzo al campo per la gran vittoria – sono tornati subito negli spogliatoi, senza raccogliere, più di tanto, gli incitamenti della Fiesole a venire sotto la Curva. Solo Biraghi ha scavalcato i cartelloni, ma giusto per lasciare la propria maglia davanti al lenzuolo che ricordava Marco Prezzati, ultrà gigliato tragicamente scomparso la scorsa settimana in Calabria. Poi anche il capitano è filato via. Non c’era niente da festeggiare in maniera esagerata; il momento, o meglio, il periodo resta delicato e non si può far finta che una sola vittoria cambi tutto.

Nell'ora di sconforto, la miglior partita

Nell’ora di sconforto, di buio e di depressione, sono arrivati questi tre punti merito di una partita dominata in lungo e in largo, mettendo sotto torchio una diretta concorrente. Forse, addirittura la miglior prestazione stagionale, dato che, se anche fosse finita 3 o 4 a 1, Sarri avrebbe potuto recriminare poco lo stesso. Quattro legni, un rigore sbagliato, alcuni interventi miracolosi di Provedel e un salvataggio da paura di Romagnoli: la Viola ha annichilito i biancocelesti, consci di aver terminato immeritatamente in vantaggio un primo tempo di totale sofferenza.

Adesso basta però con gli elogi

Ma adesso stop agli elogi. L’atteggiamento, già in vista della prossima sfida, deve essere quello mostrato al Franchi a fine partita: capo chino e camminare, che la strada, maledettamente ancora impervia, è decisamente in salita nel prossimo mese. Torino e Roma sono solo i prossimi due impegni di campionato, quasi tutti contro contendenti all’Europa. La (rin)corsa della Fiorentina (ri)parte adesso, confidando in una maggiore consapevolezza dei propri mezzi, specialmente offensivi. Quelli che, grazie all’innesto di Belotti, stanno ritrovando fiducia sotto porta che mancava come il pane a Italiano.

Così è se mi pare - Scombiccherata o folgorante? È evidente che a dettare la trasformazione contribuisce...
Dottor Jekill o mister Hyde? Qual è la vera Fiorentina? Quella scombiccherata di Empoli o quella folgorante contro la L...

💬 Commenti (7)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo