Il paradosso degli esterni: da tanti a... due. Scelte obbligate per Italiano in un mese decisivo per la Fiorentina

Scritto da Redazione  | 

Al netto della qualità dei singoli, se c'era un reparto in cui la Fiorentina poteva dirsi tranquilla a livello quantitativa erano le corsie esterne offensive. Nico Gonzalez in primis, ma anche Brekalo, Ikoné, Kouame, Sottil: da cinque a… due. Eh sì, perché improvvisamente Italiano si è ritrovato con i soli Brekalo e Ikoné a disposizione, e parliamo quindi di un giocatore in uscita e di un altro che non riesce a far combaciare ampio minutaggio e prestazioni.

In principio fu l'infortunio di Nico Gonzalez, poi la partenza (preventivabile) di Kouame per la Coppa d'Africa e infine il forfait di Sottil dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo contro il Torino. Dall'abbondanza all'emergenza dunque, con Italiano che sarà costretto a schierare sistematicamente Ikoné e Brekalo in attesa che arrivino degli innesti dal mercato. La speranza è che Pradè e Barone regalino quanto prima un rinforzo all'allenatore, perché la prospettiva di affrontare un mese decisivo con in campo un giocatore fuori condizione e un altro con le valigie in mano è tutt'altro che allettante. 

Karlsson a tutti i costi: dopo Brekalo, la Fiorentina offre un altro scambio al Bologna
Se Beste, Ngonge e Stengs sono i nomi su cui puntare in autonomia, c'è un altro esterno che piace molto a Italiano e pe...

💬 Commenti (4)