Dal mancato riscatto della Fiorentina al dominio col Cesena in serie C. Come se la passa Berti?

Filippo Razzolini  | 

In estate la Fiorentina ha scelto di non riscattare Tommaso Berti dal Cesena e così il classe 2004 ha fatto ritorno in Romagna. Il centrocampista si era messo in mostra con mister Alberto Aquilani, segnando 9 gol e realizzando 1 assist in stagione. Berti è sotto contratto col Cesena fino al 2026 e si sta districando in maniera positiva in bianconero, alle prese con un campionato come la Serie C che ormai conosce bene.

Il buon rendimento al Cesena

Il Cesena è primo in classifica nel girone B della Serie C, a tre punti di vantaggio dalla Torres ma addirittura 14 dal Perugia terzo classificato. I romagnoli di mister Toscano stanno dominando il campionato e Berti ha giocato 24 partite stagionali, delle quali 11 da titolare. Il tabellino della mezzala offensiva nata proprio a Cesena è di 2 reti e 5 assist, quando siamo arrivati poco oltre il giro di boa.

L'addio agrodolce del giovane centrocampista

La Fiorentina decise di non versare i 350.000 € per acquistare il calciatore, che si disse sorpresa dalla scelta viola: “Non sono deluso, sono scelte che vanno sempre rispettate. Avendo giocato tanto e segnato 9 gol da centrocampista, pensavo di essere riscattato anche perché Aquilani era contento di me, però evidentemente sono state fatte altre scelte. Ma il mancato riscatto non lo considero una bocciatura o un declassamento, anzi. Sono pur sempre un giocatore del Cesena, la squadra della mia città”. Adesso vedremo se il prosieguo della carriera del giocatore potrà o meno far rimpiangere la scelta.

Paolillo: "Italiano mi piace tantissimo ma ora deve fare esperienza come Simone Inzaghi. Totalmente contrario alla Supercoppa in Arabia e al suo format"
Ex amministratore delegato dell’Inter, dirigente di lungo corso, Ernesto Paolillo, ha parlato a Radio B...

💬 Commenti (6)