Il passaggio che sta per essere ufficializzato di Moise Kean dalla Juventus alla Fiorentina, ha ‘ispirato’ un commento piuttosto forte scritto dal giornalista Roberto Beccantini sul Corriere dello Sport-Stadio.

Dottor Jekyll e mister Hyde

Rocco Benito Commisso, 74 anni, calabrese di Marina di Gioiosa Ionica, borsa di studio alla Columbia University, laurea in ingegneria industriale, dal 2019 proprietario-presidente della Fiorentina, incarna il dottor Jekyll e mister Hyde del mondo che siamo” scrive il Beck. 

E poi sottolinea il fatto che Commisso ha sempre stigmatizzato il comportamento della dirigenza della “Vecchia Peccatrice di Torino. Per le plusvalenze, per i bilanci, per le penalizzazioni. In verità, ha aggredito anche i debiti di Steven Zhang, ex mandarino dell’Inter, e l’artiglieria di Urbano Cairo, padrone del Torino, reo di aver puntato i suoi giornali-cannoni contro le turgide barricate della Viola. Ma la Goeba è la Goeba”.

Quinto affare

Eppure gli affari di mercato si sono ripetuti: “Non il primo, durante la sua gestione. Il quinto, addirittura. Dopo Federico Chiesa e Dusan Vlahovic dall’Arno al Po. Dopo Rolando Mandragora (definitivo) e Arthur (in prestito) dal Po all’Arno”.

“Rocco e i suoi fratelli dicono peste e corna dell’acerrima rivale e poi…”

Infine: “Rocco e i suoi fratelli dicono peste e corna dell’acerrima rivale, sbandierando e rimpiangendo, a parità di brogli, la severità delle leggi degli Stati Uniti. Salvo poi correre a offrirle, in occhiali scuri, il meglio dell’harem. A pagamento, naturalmente, ma il “pecunia non olet” non è slogan che li assolva”.

Firenze e Torino mai così vicine: le sparate a salve di Commisso e un asse di mercato ormai consolidato. Con Kean la Fiorentina supera la Juventus
Molto facile, anche troppo, presentarsi a Firenze con qualche frase contro la Juve, magari a poche ore dall'acquisto del...

💬 Commenti (42)