Uno sguardo al presente, con una Conference League da provare a conquistare, uno al futuro che potrebbe essere lontano da Firenze. Maxime Lopez, centrocampista della Fiorentina, ha parlato anche di questo a GianlucaDiMarzio.com al termine della semifinale di ritorno di Conference League contro il Bruges.

"Sono molto contento perché sarà la mia seconda finale europea dopo quella che ho fatto col Marsiglia", ha raccontato Maxime. "Non è importante se ero in campo o meno, e poi ho giocato l'andata. Quel che conta è che tutto sia andato a buon fine. Abbiamo eliminato una bella squadra come il Bruges e sono felicissimo”. Alla domanda se ha ancora qualche rimpianto sulla finale di Europa League del 2018 che l'Olympique Marsiglia perse 3-0 contro l'Atletico Madrid, Lopez ha risposto così: "Sempre, perché quando perdi una finale ci pensi poi per tutta la vita. Ma tocca essere onesti, all'epoca l'Atletico era di un livello superiore rispetto al Marsiglia".

"Il Sassuolo giocava per non retrocedere, Fiorentina da alta classifica"

Un pilastro del Sassuolo dal 2020 al 2023, oggi Lopez non è ai primissimi posti nelle gerarchie della nella Fiorentina di Vincenzo Italiano. "Al Sassuolo avevo un ruolo importante ma parliamo di una squadra che lottava per non retrocedere. A differenza della Fiorentina che è un gradino sopra e lotta per le posizioni nobili della classifica. E poi qui ci sono più giocatori di qualità rispetto a Reggio Emilia. Ho fatto delle ottime partite anche se a livello individuale non sto vivendo la mia miglior stagione. Ma non è ancora finita, mancano ancora alcune partite di campionato e soprattutto la finale...".

"Non so se rimango a Firenze, deciderà la società"

"Non so se rimango a Firenze. Sono qui in prestito con opzione e sarà la Fiorentina a decidere se riscattarmi o meno. Poi uno deve sempre fissarsi degli obiettivi. Ma per tornare nel grande giro dovrei fare il titolare per una stagione intera, giocando tra 35-40 partite in una buona squadra. Solo così potrei fissarmi obiettivi più alti. Un ritorno in Ligue 1? Perché no? Ma se hai giocato nel Marsiglia è complicato andare in Ligue 1 tranne se è all'OM, allora perché no? La mia porta per il Marsiglia sarà sempre aperta, non l'ho mai chiusa e mai la chiuderò. Ma tutto dipende da tanti fattori. Quindi vediamo...Marsiglia è la città del calcio e io ero titolare dell'OM ad appena 18 anni. E poi se sei nato lì tutto è moltiplicato per due. Tutto va molto veloce ma questo ti aiuta anche a tenere la testa sulle spalle”.


💬 Commenti (5)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo