Questo sito contribuisce alla audience di

Quando una scritta anonima riesce a sovrastare l’uccisione (rimasta impunita) di un uomo

Fiorentina-Juventus è da sempre la partita teatro delle coreografie più belle realizzate dalla Curva Fiesole: dallo skyline di Firenze al giglio dello storico 4-2, passando dal sole nascente fino ad arrivare alla scritta in onore di “RIKI”. Dopo la sentenza della Cassazione che lo scorso 15 novembre ha assolto i due carabinieri coinvolti nella vicenda della morte di Riccardo Magherini, il tifo organizzato viola ha deciso di mostrare la vicinanza e il supporto alla famiglia del fiorentino scomparso 4 anni fa attraverso la coreografia che sabato ha accompagnato le squadre in campo.

La notizia delle vergognose scritte rinvenute fuori dal settore ospiti del Franchi è però diventata in poco tempo un caso nazionale, oscurando mediaticamente il bel gesto della curva viola, che ha trovato spazio solo su qualche testata locale. Curioso anche il fatto che nell’edizione delle 13.30 di ieri del TG1 sia stata tagliata l’immagine della Curva Fiesole. Nel telegiornale andato in onda oggi, invece, l’immagine è stata inserita e il giornalista ha ricordato il tragico episodio.

In queste ore è apparso sui social un video del piccolo Brando, figlio di Riccardo, che ringrazia i tifosi viola mandando a tutti “un bacione a nome del babbo”. Il fatto che si dia più spazio ad una frase anonima, che non sappiamo ancora chi l’abbia scritta su un muro che al sorriso di un bambino fa riflettere, soprattutto perché in quella coreografia la firma c’era, ed era quella di FIRENZE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Francoviola non cospargerti il capo di cenere che le scritte le ha fatte qualche tifoso della Juventus PAGATO dalla proprietà bianconera per togliere le attenzioni sui collegamenti ACCERTATI tra camorra e società gobba….FV

  2. Difficile restare insensibili di fronte ad oltraggi simili. Però tutto è molto molto poco chiaro. Io parlo da Vercelli tifoso viola da sempre. Scritte con quei caratteri mi fanno pensare. Secondo me si arriverà ad una fine perché troppo anomala la vicenda. Il mio cuore però si ribalta se penso che a partita non in corso il sig. Nevdef già aveva gridato al mondo la triste vicenda. Peccato che da quelle parti non si sia stati così tempestivi a chiedere scusa a Superga, cori di curva contro napoletani, fiorentini ecc. Loro sono sempre le vittime. Una prepotenza inaudita. Fiorentini noi siamo diversi. Però condanniamo anche tutto questo odio verso giocatori e dirigenti. Lo dice uno che spera presto in una svolta societaria perché qui c’è una stanchezza operativa troppo lunga che mette tutto in discussione

  3. francoviola … per me non hai capito un cazzo del senso dell’articolo. Ma forse anche meno. Io mi vergogno, certo, di quelle scritte (che appaiono poco chiare persino agli inquirenti… ma guarda un pò ) ma mi indigno per il boicottaggio fatto per la meravigliosa coreografia della fiesole in ricordo di una persona, calciatore e tifoso viola, ammazzato come una bestia come in un qualunque posto dove vige una dittatura, , mi indigno che per gli striscioni dei gobbi su superga ( e lì la matrice era … visibile ) che non hanno avuto la stessa rilevanza ( pazzesco ) di una scritta anonima su un muro. La ” firma” del gruppo 1926 è già stato dimostrato che non c’entra nulla in quanto era lì da oltre un anno ( basta vedere google map … semplice ). Quindi ognuno, come vedi, ha i suoi motivi per vergognarsi.

  4. Quanto ci vuole a capire che era tutto prestabilito…..Firenze non si scusi per colpe non sue

  5. Mi associo totalmente con il commento di Francoviola, certo che non si saprà mai chi è colui che ha scritto quelle bestialità, però sbaglio o sulla dx c’è il simbolo di un club viola?

  6. Quello che dico mi amareggia molto: mi vergogno di essere tifoso viola dopo quelle infami scritte e soprattutto dopo il silenzio del tifo organizzato che non prende le distanze da tanta schifezza. Con un tifo così, nemmeno la B meritiamo, figuriamoci l’Europa.

  7. Il tg1 è ridicolo e non è la prima volta nei nostri confronti. Evidentemente a qualcuno dà fastidio la verità, la famiglia merita giustizia. Devono andare fino in fondo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.