Ha segnato il gol decisivo che ha riportato la Roma a vincere una Stracittadina, ma il derby di Gianluca Mancini sarà ricordato anche per l'esultanza al triplice fischio con i tifosi e per quella bandiera con i colori della Lazio e il disegno di un topo. Un gesto che ha fatto discutere e che ora è al vaglio della Procura Figc. La conferma è arrivata dal presidente della Federcalcio Gabriele Gravina: "Sono stato informato che la Procura ha aperto un fascicolo, è in atto una verifica".

Cosa rischia Mancini

La Procura federale ha aperto un'indagine sull'episodio per una presunta violazione dell'articolo 4 del Codice di Giustizia Sportiva, che fa riferimento al dovere per i tesserati di tenere una condotta ispirata "ai principi della lealtà, della correttezza e della probità in ogni rapporto comunque riferibile all'attività sportiva". Verranno visionate tutte le immagini e sarà ascoltato il giocatore. Ma cosa rischia Mancini? Si va da un'ammenda a una squalifica. Il primo è lo scenario più probabile, almeno a giudicare dagli ultimi precedenti. Per Mancini, lo scenario più plausibile sembra essere il patteggiamento, con conseguente multa (e nessuna squalifica).

Le scuse dell'ex Fiorentina

"Non volevo offendere nessuno, ho preso la prima bandiera che mi hanno dato", si è scusato l'ex difensore delle giovanili della Fiorentina ai canali ufficiali del club. Lo sfottò non è ovviamente piaciuto ai giocatori della Lazio e ora è finito sotto la lente di ingrandimento della Procura federale.

Il solito Mancini dopo la gaffe della bandiera: "Ho preso la prima che mi hanno dato, non volevo offendere nessuno"
Regolarmente sopra le righe, intimidatorio e rissoso: uno dei peggiori da affrontare in Serie A ma anche ex viola. Gianl...

💬 Commenti (3)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo