Manca l’ultimo insidioso tassello per indirizzare le tre competizioni

Niccolò Masini  | 

Si avvicina una fase cruciale della stagione della Fiorentina. Arrivano l’ultimo impegno nel girone di Conference League, che definirà la questione primo posto, incontri ravvicinati in campionato a cavallo dell’anno nuovo e la Supercoppa Italiana. La squadra di Italiano aveva necessità di ritrovare fiducia e nuove energie mentali per mesi storicamente complicati nelle ultime stagioni. E le ultime partite fanno sperare.

Viola meno bella ma con carattere contro il Genk, sul velluto contro la Salernitana. Resta una Fiorentina che si trascina dietro pregi e difetti ben definiti, che intanto però ha scoperto risorse e sfatato tabù. Beltran si sblocca anche in Serie A, Sottil torna a fare il Sottil che Firenze aspetta da almeno un anno e la squadra si gode una prestazione tranquilla, permettendosi di fare qualche passo in più a livello di gioco e consapevolezza.

Ricaricare le batterie mentali con risultati positivi è quanto di più vitale e necessario per intraprendere un periodo cruciale per il prosieguo della stagione. Arrivati due successi in Conference e in campionato, adesso manca la Coppa Italia. Per appuntare l’ultimo dei tre impegni in questi sette giorni, c’è da battere il Parma di mister Pecchia.

L’obiettivo quarti di finale è alla portata della Fiorentina, sebbene i ducali stiano vivendo una stagione più che positiva. Primi in Serie B a pari merito col Venezia, ogni giornata dimostrano di essere la squadra da battere nel campionato cadetto. I gialloblù hanno una rosa di qualità, anche con individualità già conosciute e interessanti come Bernabè, Man e Mihaila, all’altezza anche della massima serie. Ne sa qualcosa il Lecce, eliminato al secondo turno.

I convocati della Fiorentina: out Nico Gonzalez e un importante difensore (squalificato). Rientra Comuzzo
La Fiorentina ha pubblicato la lista dei giocatori convocati da Vincenzo Italiano in vista della partita contro il Parma...

💬 Commenti (8)