Accantonato il pareggio contro il Torino, la Fiorentina deve subito pensare al ritorno della Conference League nel proprio calendario dopo un'assenza lunga diverse settimane. Si ricomincia giovedì, con la gara a Budapest contro il Maccabi Haifa, squadra israeliana che per motivi legati alla guerra non può giocare nel proprio stadio. 

Alla fine saranno 400 i tifosi viola che partiranno per l'Ungheria, finendo tutti  tagliandi disponibili dopo il via libera all'accesso allo stadio senza passaporto. Poi l'impegno in campionato contro la Roma e di nuovo Conference, entrambe al Franchi. 

Al momento scongiurato il rischio porte chiuse per la gara contro gli israeliani a Firenze, ma l'attenzione delle autorità rimane altissima per una gara considerata a rischio. Lo riporta La Nazione. 


💬 Commenti (4)