Jacopo Vicini
Jacopo Vicini

La storica firma genoana Vittorio Sirianni si è espresso sul pareggio del Franchi tra Fiorentina e Genoa nel proprio editoriale per PianetaGenoa1893.net, affrontando alcuni temi centrali della partita ma anche alcuni intrecci tra le due compagini, senza far mancare commenti pungenti.

“Adesso abbiamo capito perché la Fiorentina vorrebbe tanto Gilardino. Lo ha definitivamente capito in questo sconclusionato (per i viola) pareggio nel quale il Gila ha dato un positivo esempio di quello che è gioco del calcio, che è compattezza di squadra, che è lettura perfetta di una partita, appartenenza vera ai colori societari del Genoa e un affetto (sportivo e non) per i propri giocatori. È certo che oggi, dopo il pari e i 39 punti raggiunti si potrà guardare avanti, cioè al prossimo campionato”.

“Ancora una volta i grifoni hanno recitato il loro bravo copione calcistico: nel primo tempo dominando e facendo vedere i sorci verdi (pardon, viola) agli avversari, con almeno tre palle gol bellissime, una traversa e un Ekuban in grande spolvero, oltre al meritato rigore trasformato da Gudmundsson. E nella ripresa, di fronte a una prevista reazione della Fiorentina, controllando a dovere, ma con una sola ingenuità di Martin sul gol viola: per il resto i padroni di casa giocherellavano a centrocampo e mai trovavano un corridoio che li facesse arrivare al tiro”.

‘Il Var ha fatto ‘bau-bau’ a Di Marco, che ha tolto il rigore'

"Al Genoa, anzi, è stato negato un altro rigore che solo un arbitro come Di Marco non certo in malafede, ma semplicemente privo di esperienza (era al suo debutto in serie A), ha fatto la sua brutta figura, prima concedendo la massima punizione e poi smentendosi di fronte al VAR che come sempre fa “bau-bau” ai direttori di gara. In questo caso era solo, come si dice, una decisione da campo, nel senso che l’immagine non può verificare l’intensità dello scontro: è solo l’arbitro che può vedere il “reale” del momento. La prima spinta di Retegui è stata leggera, quella del difensore viola è stata potente e decisiva. L’arbitro aveva visto giusto, ma “mamma” VAR no".

‘La vendetta del 4-1 è stata compiuta, il pareggio non permetterà alla Fiorentina di giocare nelle Coppe’

"La squadra ha giocato dunque bene ed anche i cambi sono stati tutti ben fatti, nessun squilibrio tattico, anche se i momenti non erano facili da gestire, visto le pressioni (ancorché inutili) della Fiorentina. Spence si è rivelato ottimo, Thorsby niente male: peccato per l’uscita anzitempo a causa di un infortunio di Messias, uomo indispensabile, proprio nel nuovo ruolo che gli ha scoperto il tecnico. Un’ultima osservazione: non si è capito quale sia stata la logica di far giocare il Genoa ogni quattro giorni, per favorire un’altra squadra che lotta per la qualificazione in Conference League. Figli e figliastri. Ed infine, come dicevano i tifosi all’uscita dal “Franchi”, la “vendetta, sportiva s’intende, è stata compiuta nel ricordo del 4-1 perfidamente vinto dai viola. Il pareggio, considerati i punti attuali dei fiorentini, non permetterà loro di giocare nelle coppe il prossimo anno. Insomma proprio non è andata male la trasferta nella città del giglio".

Amoruso: "Martinez Quarta ne fa una buona e quattro sbagliate, si culla di essere bravo coi piedi e non è concentrato quando ha la palla"
L'ex difensore viola Lorenzo Amoruso ha parlato a Radio Bruno soffermandosi su due centrali della Fiorentina attuale, Ni...

💬 Commenti (10)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo