Quest’oggi l’ex difensore della Fiorentina Lorenzo Amoruso, durante un colegamento con Radio Bruno, ha avuto modo di analizzare la prestazione della squadra di Italiano contro il Plzen, in vista di un finale di stagione pieno d’impegni. Questo un estratto delle sue dichiarazioni:

"Il primo tempo con il Plzen è stato bello, molto organizzato con gli uomini in campo che hanno lavorato bene su quelle che potevano essere le prerogative di una squadra, i cechi, che erano arrivati a Firenze per difendersi e magari portare la sfida ai rigori. Proprio come aveva fatto all’andata, cercando il contropiede per far male alla difesa viola. Sicuramente i viola prima della partita di andata probabilmente non si aspettavano una difesa così arcigna. E’ chiaro che a livello di gioco e di prestazione credo che ci sia ancora mancato il miglior Nico Gonzalez, anche se con il gol ha oscurato la sua prestazione non proprio brillante: Evidentemente non è ancora al 100%, non riesce più a saltare l’uomo con la solita facilità di sempre".

“Clamoroso: inizialmente la porta del Plzen sembrava stregata”

Ha poi continuato: "Non è un segreto che questa squadra fa fatica a segnare, in più con il Viktoria la porta sembrava stregata. Ci è andato vicino Belotti nel primo tempo, lo stesso Nico con pali e traverse. Io comunque sono dell’idea che quando sei abituato a fare gol prima o poi le reti arrivano. La Fiorentina era comunque nettamente superiore ai cechi, e credo che lo abbia dimostrato in campo nel corso dei 120 minuti. Adesso è fondamentale ottenere i risultati anche in campionato per poter rimanere concentrati sulle coppe. Il calendario adesso è molto favorevole per la Fiorentina, però il campionato dipende poco da te. L'avversario di domani ti potrebbe rendere le cose più facili, anche perché la Salernitana ormai lotta per il pubblico più che per i risultati. In tutti i casi la Fiorentina rimane più forte della Salernitana”

“Anche l'Atalanta deve temere la Fiorentina”

Ha poi concluso parlando della sfida di mercoledì contro l’Atalanta: “Chiaramente vista la posta in palio credo che non sarà una partita molto semplice, ma questo non vale solo per la Fiorentina: anche i nerazzurri dovranno affrontare la partita nel migliore dei modi se vuole rimontare i viola. Sono convinto che, come spesso accade, molto dipenderà dallo stato mentale delle due squadre e da quello che faranno in questa giornata di campionato. Con la Salernitana vorrei vedere qualche giocatore utilizzato poco fin qui, ma non dall’inizio".

De Laurentiis continua il casting per la panchina del Napoli, ma Italiano non è più la prima scelta. I dettagli
L’edizione odierna de Il Mattino ha cercato di fare il punto sul futuro allenatore del Napoli. Secondo quanto riportat...

💬 Commenti

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo