Gonzalez Fiorentina
Gonzalez esulta dopo il gol al Monza. Foto: Vicario/Fiorentinanews.com

“Il centravanti sì, ma senza vendere Nico”, titola così Alberto Polverosi sul Corriere dello Sport-Stadio dove commenta la situazione in casa Fiorentina legata al mercato, alla scelta del nuovo allenatore e anche a quella del possibile nuovo colpo in attacco:

“Dopo la conferenza delle scuse, adesso è tempo di impegnarsi”

La conferenza delle scuse e delle ammissioni di colpa sta lentamente evaporando nell’aria umida del Viola Park e lo stupore di quei momenti è già stato sostituito dall’attesa dei primi impegni. Un’attesa pesante, di quelle a cui adesso è impossibile sottrarsi. Commisso e i suoi uomini hanno indicato la parola-chiave: miglioramento. E per cominciare a riempirla di contenuti hanno annunciato il nuovo allenatore, Palladino. Dunque, secondo la Fiorentina già Palladino è un miglioramento rispetto al passato di Italiano. Vedremo. Di sicuro però non potrà esserlo se al nuovo e giovane allenatore campano non verrà affidato un organico davvero più forte, davvero migliorato". 

“Centravanti sì, ma senza vendere Nico”

“ Si parla molto in questi giorni del modulo caro all’ex allenatore del Monza, il 3-4-2-1, e si cerca di ricalcarlo sulla base dell’organico della Fiorentina attuale. Non sappiamo se Palladino punterà davvero su quel sistema, però in questo caso e non solo in questo caso, la prima necessità è una soltanto: il centravanti. Lo hanno detto i dirigenti anche nella famosa conferenza stampa, Pradé si è scusato per non essere riuscito a trovare un degno erede di Vlahovic. In due anni e mezzo ne sono passati cinque/sei/sette, Cabral, Jovic, Piatek, Nzola e Belotti, a cui si potrebbero aggiungere Kouame (impiegato anche come ala) e Beltran (impiegato soprattutto come trequartista), senza che nessuno abbia risolto il problema. L’ottavo centravanti post-Vlahovic non può essere più un errore. Non solo: il nuovo attaccante della Fiorentina dovrà aggiungere i propri gol a quelli di Nico Gonzalez e non sostituirli. Economicamente parlando, se per acquistare il numero 9 risolutore saranno investiti i soldi dell’eventuale cessione dell’argentino, Palladino si ritroverà punto e daccapo. Quindici/venti reti (auspicabili) di un centravanti al posto delle dodici reti (cifra di quest’anno) di Nico significano un miglioramento ridotto a briciole di pane”. 

Non solo un attaccante

"Poiché pensando al Monza del nuovo allenatore viola si pensa comunque a una squadra ispirata da criteri calcistici di qualità, per proseguire nel miglioramento indicato dai dirigenti viola è necessario un centrocampista di spessore tecnico, uno dal gioco lungo, con una visione ampia della manovra e non ristretta come quella di Arthur, ottimo palleggiatore orizzontale. E’ un tipo di giocatore che ogni squadra fra quelle di vertice possiede: Calhanoglu, Reijnders (e Bennacer), Locatelli (e Fagioli), Freuler, De Roon, Cristante (e Paredes), Rovella (e Cataldi) e Lobotka. Iniziare l’azione con qualità significa renderla più ricca, più incisiva ed efficace. Raffaele Palladino ha solo due anni di Serie A alle spalle, ha idee, ambizioni, forza, ma va sostenuto. Altrimenti fra dodici mesi saremo di nuovo alla conferenza delle scuse". 

È Retegui-mania: la Fiorentina si muove per tempo e mette sul piatto 20 milioni. Niente più casi Gudmundsson
A gennaio era Albert Gudmundsson, oggi invece è il suo gemello diverso: Mateo Retegui. La Fiorentina torna a guardare i...

💬 Commenti (5)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo