Bocci: "Brekalo è come non averlo, Mandragora ha perso il posto e la fiducia. Parisi va aspettato, è il miglior acquisto della Fiorentina. E Christensen..."

Scritto da Redazione  | 

Il giornalista del Corriere della Sera e tifoso viola Alessandro Bocci ha toccati moltissimi temi a Radio Bruno, soffermandosi su vari singoli della Fiorentina dopo il successo ai rigori contro il Parma in Coppa Italia.

Ecco cosa ha detto: “Christensen ieri ha dato sicurezza, entusiasmo, è tra le note positive ed è stato il migliore per distacco. Il portiere deve esser anche un po’ matto. Per parlare della formazione schierata da Italiano bisogna tener conto che domenica ci sarà una partita cruciale a Roma ed una altrettanto importante in Conference giovedì prossimo. Sono deluso da chi ha perso un’occasione, non dalla formazione. Brekalo doveva essere titolare nella mia coppia d’esterni, ma è come non averlo ed ora è sceso al quinto posto in graduatoria, ieri ha giocato solo perchè Kouame aveva un problema. Mandragora per me è forte ed era sempre titolare quando la Fiorentina ebbe una grande serie positiva lo scorso anno, ora ha perso fiducia e Duncan gli ha rubato il posto. Mina non mi sorprende, non ho capito tanto questo acquisto. Ha fisicità ma è lentissimo, col Genk non aveva fatto male ma col Parma è andato in crisi”.

Prosegue Bocci: “Nzola ha fatto un bel gol, penso tuttavia che sia in difficoltà psicologica ma anche tecnica. La Fiorentina non è la sua squadra ideale e questo mi sorprende, pensavo fosse il calciatore giusto. Italiano l’ha avuto ma a me pare adatto nello spazio, sfruttando il fisico in velocità. Con spazi stretti e chiusi, vedo gli occhi persi del calciatore. Ha trovato fiducia quando la Fiorentina ha cominciato a lanciare ed è entrato Beltran che toglieva un po’ di marcatura. Italiano ha tanti piani di gioco e l’ha già dimostrato lo scorso anno, con varie idee, dal modulo al ruolo dei terzini e di Martinez Quarta. Non vede però un attacco con due punte, ieri ha inserito Beltran che però gioca come un Bonaventura avanzato. L’argentino non ha paura di niente, non molla mai, è tecnico e ha carattere ma come Raspadori non dà presenza in area”.

E ancora: “Parisi è in un momento no, ha pagato il mese da terzino destro e poiché penso che sia il miglior acquisto estivo della Fiorentina occorre avere pazienza, lo aspettiamo. Barak non mi convince, la sua qualità non risalta, ha tirato addosso al portiere da un metro dalla porta. Non ha mai trovato la posizione giusta, non ha impreziosito i palloni toccati. Baldanzi? Lo prenderei ma serve capire le condizioni dell'Empoli e se non sia necessario attendere giugno magari bloccandolo a gennaio”.


💬 Commenti (10)