Gonzalez e l'Argentina espugnano il Maracanã, Quarta relegato in tribuna. Scontri tra tifosi e anche con la polizia: Succede di tutto

Stefano Del Corona  | 
Gonzalez in primo piano. Foto: Fanfani/Fiorentinanews.com

Brasile-Argentina non è mai stata una partita come le altre e anche questa volta la regola è stata rispettata. 

La serata di Rio de Janeiro ha regalato una grande vittoria alla nazionale albiceleste che si è imposta per 1-0, ma è successo davvero di tutto. 

Scontri prima della gara e ritardo

Prima dell'inizio della partita ci sono stati scontri tra tifosi allo stadio Maracanã ed è dovuta intervenire la polizia per sedare gli animi. Solo che i poliziotti locali se la sono presa con gli argentini, provocando la reazione dei giocatori. Messi e compagni hanno minacciato di non giocare la gara, sono ritornati negli spogliatoi e il fischio iniziale è arrivato con circa mezz'ora di ritardo. 

Il gol partita

A decidere l'incontro ci ha pensato poi Otamendi al 63', colpendo di testa dopo un angolo calciato da Lo Celso e battendo l'ex Roma, Alisson.

La prestazione dei viola

L'attaccante della Fiorentina, Gonzalez, stavolta non è partito titolare ed è entrato al 70', proprio al posto di Lo Celso. L'altro viola, Martinez Quarta è stato relegato in tribuna da Scaloni che ha detto a fine gara che potrebbe lasciare la nazionale. 

Adesso l'Argentina comanda il girone sudamericano nelle qualificazioni ai Mondiali con 15 punti, mentre il Brasile, in crisi, è solo sesto avendo subito la terza sconfitta di fila. 

Scaloni preannuncia la panchina di Nico Gonzalez? "Cambieremo qualcosa contro il Brasile, ma non sarà dovuto alle prestazioni"
L'allenatore dell'Argentina Lionel Scaloni ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Brasile....

💬 Commenti (1)