CARO THIAGO, CIAO, GRAZIE E VAFFA***, si intitola così il pezzo - polemico, evidentemente - di Andrea Mingardi, cantautore bolognese che non ha proprio digerito l'addio di Thiago Motta dal Bologna una volta raggiunta la Champions League.

“Quando ce vo'…”

“Quando ce vo' ce vo' e non ce l'ho con nessuno. Ma questa festa mancata del 3 a 3, del commiato e di un terzo posto mancato, soprattutto davanti alla signora, mi ha tolto quella gioia sfrenata che provavo alla fine del primo tempo. Ora che sono più calmo, mi esprimo meglio. Moggi è stato il capro espiatorio di un sistema che usavano tutti. Zhang se mette un piede in Cina gli pignorano anche i maroni, Marotta ne sa una più del diavolo, gli americani del Milan hanno fatto fuori Maldini in un amen, di Lotito è meglio non parlare, per Gasperini a Napoli saranno cazzi a... mare, gli altri vagano in situazioni economiche discutibili, cioè, fanno goal coi debiti, il Manchester ha oltre mezzo miliardo di sterline di deficit...”.

"Di cosa stiamo parlando? Di una melma che a parte qualcuno, noi del Bologna, rischia di inghiottire il calcio. Dunque, un allenatore che viene dalla cannella del gas, una Spezia... si presenta e per culo o grande capacità dopo sessant'anni ci porta in Champions. Ma non solo, ha l'opportunità di diventare un eroe... nazionale restando a sviluppare il suo talento e quello dei suoi giocatori in un luogo pulito che, fra l'altro lo ama alla follia, e va alla Juve?! Il simbolo di tutto ciò che nel calcio sarebbe meglio non fare: usare sotterfugi, potere, trucchi, conteggi dubbi e pressioni di ogni tipo. In più, ti porti via anche qualche giocatore?! Se qualcuno che legge preferisce non capire lo smacco, lo faccia pure, mai vorrei offendere alcun tifoso che ha il diritto di amare chiunque, ma che se obiettivo, non può non afferrare il senso di un occasione perduta, per un uomo, per un allenatore bravo e un campione indiscusso". 

“Non sarai mai un eroe”

“A Bologna venga chi vuole ma mi raccomando, deve capire anche in quale luogo arriva e rispettarlo addirittura oltre la vittoria a qualsiasi costo. Faremo la nostra CHAMPION, con la quadra che sarà e prenderemo le gioie che verranno, se verranno. MA DAL MOMENTO CHE NOI NON SIAMO INGRATI: CARO THIAGO, CIAO, GRAZIE E FANCULO! Non ti capiterà mai più l'occasione di essere un eroe!”, conclude così la propria Mingardi, pubblicata sulle proprie pagine social.


💬 Commenti (18)

Edito da A.G.E.T. – Associazione Giovani Editori Toscani
via Masaccio, 161 50132 Firenze
P.Iva, C.F., Iscr. Reg. Imprese di Firenze nr. 06173570489.
Iscrizione ROC n. 21380 AUT. TRIB. di Firenze N. 5209 del 24/10/2002

Powered by Slyvi
Depositphotos logo
Depositphotos logo