Un infortunato, ma di bella prospettiva. Holm e un’ipotesi più che intrigante per la Fiorentina

Lorenzo Ciabattini  | 

Emil Alfons Holm. E chi è? Molti non la avranno chiaro in testa, ma il laterale dell’Atalanta era dei migliori prospetti dello Spezia di Thiago Motta. Terzino destro, svedese (Nazionale pure), classe 2000: Holm avrebbe tutte le carte in regola per venire a rinforzare le fasce della Fiorentina.

Dodo KO e Kayode ancora in dubbio

Con gli infortuni di Dodo (out ancora per molto tempo) e Kayode (prossimo al rientro ma da un brutto colpo alla caviglia), Pradè e Barone si sono giustamente guardati intorno. E come ha riportato La Gazzetta dello Sport, il laterale scandinavo sarebbe perfetto per Italiano. L’ex tecnico dello Spezia, in realtà, non ce lo ha avuto ai tempi della Liguria, perché Holm venne lasciato un anno in prestito nelle terre del nord Europa. Ma background storico a parte, Holm non sarebbe un rinforzo campato in aria per la Viola.

Un po’ come per Kiwior (centrale dell’Arsenal, anche lui ex spezzino), anche Holm andrebbe a tappare un reparto che troppo spesso fa acqua. E la Fiorentina, per quattro competizioni, non può certo affidarsi, esclusivamente, sulle spalle di un 2004. Il problema dello svedese? La tenuta fisica. Con Gasperini, alla sua prima stagione, ha già giocato pochissimo e recentemente non è andato in Nazionale a causa di una botta alla caviglia destra.

Un infortunato, ma molto interessante

Un infortunato (attualmente) insomma. Certo, da qui a gennaio le cose potrebbero cambiare, ma desta un po’ di preoccupazione la realtà muscolare (in passato, anche la pubalgia) del ragazzo. A La Spezia, Holm era uno dei migliori giocatori di Motta, tanto da essere visionato da vicino anche dalla Juventus. Qualche assist, qualche volta pure in gol e la grande capacità di saper rientrare quando serve. A Firenze dovrebbe adattarsi alla difesa a quattro (in Liguria giocava come quinto di centrocampo, mentre a Bergamo farebbe la riserva di Zappacosta), ma non dovrebbe costituire un ostacolo. L’altro problema? La formula del trasferimento: la Dea lo ha preso in prestito con diritto di riscatto.

Basta parlare di Champions League e farsi illusioni. Meglio vivere alla giornata, anche perché la Fiorentina in questo modo rischia di uscire dalla zona europea
Ancora una volta, e se ne sta perdendo il conto, la Fiorentina si schianta sui propri limiti rimandando l’appuntamento...

💬 Commenti (11)